Politica

Come cambia la politica ai tempi del coronavirus

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

Comizi annullati, conferenze stampa deserte o in streaming, Camere a ritmo ridotto, stop ai selfie, domande via whatsapp. La politica ai tempi del coronavirus si attrezza ad affrontare l’emergenza e si attiene alle misure adottate dal governo: a volte con effetti di rarefazione altre volte con strumenti originali e innovativi.

Quando la bufera sarà passata saranno gli storici, e gli elettori, a misurare quanto essenzialità ed inventiva siano state premiate o bocciate e chi avrà interpretato meglio il momento di difficoltà del Paese. Forse qualcuno rifletterà anche su quanto sia efficace l’eccesso di comunicazione rispetto alla validità dei messaggi comunicati. E mentre tutti studiano nuovi metodi per raggiungere gli elettori con i loro slogan, scoppia la prima polemica.

Nei passaggi iniziali dell’emergenza, al di là delle scelte politiche, quasi tutti si sono organizzati seguendo o interpretando le disposizioni dei decreti governativi. Ecco i principali fronti.

Quirinale

Quest’anno niente mimosa. Il primo ad applicare le misure di isolamento decise dal governo Conte è stato Sergio Mattarella, che ha annullato tutte le cerimonie previste nel palazzo del Quirinale, a cominciare dalla tradizionale cerimonia per la Festa della donna prevista domenica 8 marzo. Sergio Mattarella ha anche annullato una visita ufficiale in Mozambico. Continua però nella sua attività istituzionale ricevendo delegazioni di associazioni e tenendosi in contatto costante con il governo e le istituzioni.

Governo

Giuseppe Conte e i ministri proseguono nella loro attività. Ovviamente hanno sospeso la partecipazione ai convegni, ma proseguono le riunioni del Consiglio dei ministri, la presenza ai vertici internazionali e al ministero. Per ora solo il ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli, entrato in contatto con il virus pur essendo negativo, si è autoisolato come da prescrizione. Fino a martedì vivrà in un piccolo appartamento dentro al ministero, partecipando alle riunioni in videoconferenza.

Camere

Transatlantico deserto, qualche deputato con la mascherina, misurazione della temperatura per chiunque entri, visite delle scolaresche annullate, convegni sospesi. Il Parlamento lavorerà soprattutto per varare i decreti per arginare il coronavirus. L’aula della Camera lavorerà solo il mercoledì, l’aula del Senato è convocata per ora solo il 10 e 11 marzo. In Gran Bretagna si era ipotizzata la sospensione delle sedute di Westminster, ma le Camere inglesi lavorano per sessioni e non in via continuativa come invece succede in Italia. In Francia si è appena registrato un caso di contagio per un deputato dell’Assemblea e per un dipendente della buvette. La sospensione delle Camere (che nessuno per ora ha chiesto ufficialmente) sarebbe un fatto eccezionale, mai avvenuto finora. Luigi Zanda, tesoriere del Pd, mette in guardia anche solo dal farsi sfiorare da questa idea: “Una democrazia, anche in presenza di eventi di gravità eccezionale deve sapere che esiste un confine invalicabile. Perciò il Parlamento e così pure la stampa e i grandi servizi pubblici non devono chiudere mai”. Alla buvette di Montecitorio sono spariti i panini al banco, sotituiti da piatti preconfezionati e sigillati e da posate di plastica

Comizi, referendum, elezioni regionali

I comizi pubblici sono stati tutti annullati per evitare assembramenti di persone a stretto contatto di gomito e la ormai tradizionale ‘cerimonia’ dei selfie con il leader di turno. Proprio per questo anche il referendum sulla riforma costituzionale che prevede il taglio del numero dei parlamentari è stato rinviato e non ancora riprogrammato. Senza poter garantire una campagna elettorale adeguata la consultazione non si sarebbe potuta svolgere con la dovuta informazione. A fine primavera si dovrebbero svolgere le elezioni in diverse regioni, dal Veneto alla Puglia alla Campania, e su questi appuntamenti non c’è ancora una decisione. La data deve essere fissata dalle regioni stesse e il centrodestra chiede di non farle slittare ma il governo deve ancora decidere come comportarsi.

Convegni

In via precauzionale tutti i convegni di politici o esperti sono stati annullati. I dibattiti sui diversi temi che ogni giorno affollano l’agenda di politici e giornalisti per due settimane dovranno attendere.

Conferenze stampa

Poche, quasi tutte in diretta facebook, ma già si registra la prima polemica. Emma Bonino e Più Europa ne hanno indetta una con diretta social. E con l’inventiva tecnologica che da sempre caratterizza chi proviene dalla tradizione radicale hanno previsto la possibilità di inviare domande via whatsapp. In contemporanea i leader del centrodestra ne hanno indetta una dal vivo al Senato, con tanto di giornalisti e fotografi in platea. Immediata la critica di Più Europa per la decisione di Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani: “Troviamo singolare la conferenza stampa che è stata fatta dal centrodestra al Senato, con un assembramento inutile di persone e fotografi” ha detto il segretario Benedetto Della Vedova.

Social

Restano ovviamente utilizzabili da tutti i social network Ogni politico, chiuso nel suo studio o dal giardino di casa, può collegarsi con dirette facebook, twitter o youtube. Non si tratta di una novità, la disintermediazione aveva già moltiplicato questi canali di comunicazione diretta tra politici e cittadini, ma ora il canale ‘sicuro’ da contagio sarà certamente utilizzato da tutti.

Trasmissioni televisive

Rarefatti, senza pubblico in studio, senza giornalisti nelle salette stampa, ma le partecipazioni ai talk show restano di questi tempi uno dei modi più sicuri per comunicare con gli elettori evitando il contagio.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker