Hi-Tech

Alphabet Tidal: la salvaguardia del pianeta parte dalle profondità degli oceani

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Alphabet annuncia Tidal. E qui è già doverosa una precisazione. Nulla a che vedere con il servizio di streaming in alta definizione sbarcato in Italia nel 2015, nulla dunque che riguardi acquisizioni nel campo musicale. Stiamo parlando invece di un'interessantissima iniziativa di X, la "società misteriosa" incubatore di start-up che dal 2016 dipende direttamente dalla Casa Madre Alphabet e che sviluppa progetti innovativi nel campo tecnologico – e non solo.

Tidal nasce per conoscere meglio cosa si nasconde sotto gli oceani: "conosciamo più la superficie della Luna di quanto non sappiamo sulle profondità oceaniche", scrive la società in un post su Medium. E ciò ha tutto sommato un senso logico: sotto l'acqua del mare la tecnologia fa fatica ad "esprimersi", vuoi per la mancanza di comunicazione (GPS e WiFi non funzionano), vuoi per i rischi di corrosione delle apparecchiature dovuti al sale. E l'intenzione è quella di conoscere cosa si cela sotto la superficie degli oceani per poterli salvaguardare ("non possiamo proteggere ciò che non capiamo").

Così nasce Tidal, progetto che vuole rendere la tecnologia compatibile con un ambiente finora considerato avverso per salvaguardare l'ecosistema, liberandolo dalle tonnellate di plastica presenti in acqua, dalle pratiche di pesca non sostenibili (ovvero quelle in cui il pescato è superiore al tasso di rigenerazione) e dai processi di acidificazione.


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Emarevolution a 504 euro oppure da Amazon a 548 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker