Politica

Renzi sfida Conte con un "patto per le riforme"

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

Una “cura da cavallo” per affrontare una situazione che descrive di “emergenza nazionale” del sistema Italia, “fanalino di coda” in Europa per la crescita, alla quale devono “contribuire tutti”, maggioranza e opposizione, nel rispetto dei loro ruoli. È quello che ha in mente Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio ne parla con i giornalisti, uscendo da Palazzo Madama, al termine della mattinata trascorsa al Senato per l’informativa e il seguente dibattito in vista del consiglio europeo sul bilancio 2021-27.

Dibattito durante il quale incassa il ‘lasciapassare’ di Matteo Renzi a trattare in Ue. “Lei al consiglio europeo ci rappresenta appieno”, scandisce il leader di Italia viva, perché “sui temi della politica continentale e dell’impegno europeo non è possibile alcuna condivisione: pensare che le fibrillazioni interne possano portare a una presa di distanza delle politiche europee sarebbe sbagliato”. L’appello del premier dopo giorni di alta tensione con Iv. E a poche ore dall’attesa intervista definita “importante” dallo stesso senatore di Rignano sull’Arno a ‘Porta a porta’, in programma alle 18.

Stando a quanto si apprende, l’ex premier dovrebbe proporre “con forza” una sorta di “patto per le riforme, cambiare le regole del gioco” della politica, rivolto a tutti i partiti. Su un altro fronte, principalmente economico, invece, si spiega l’appello lanciato da Conte. A chi gli chiede se andrà in Parlamento a ‘verificare’, chiedendo la fiducia, i numeri del governo, Conte risponde, netto: “I titoli dei giornali non mi appassionano, come avrete capito. Siamo concentrati … è stato molto proficuo il clima che si è verificato sui tavoli di lavoro il confronto delle forze di maggioranza”.

 “La notizia è che vi sorprenderemo perché nei prossimi giorni ci sarà una cura da cavallo per il sistema Italia. Adesso abbiamo fatto una ricognizione”. “Questi giorni sono la base per ripartire, siamo in emergenza, perché questi numeri di crescita non ci possono soddisfare. Si può parlare di vera e propria emergenza che dobbiamo condividere tutti”. Siamo in emergenza, quindi questi giorni sono la base per ripartire. I numeri di crescita non ci possono soddisfare, possiamo parlare di vera e propria emergenza, che dobbiamo condividere tutti e dobbiamo tutti lavorare, ciascuno ovviamente per le responsabilità che si assume rispetto ai ruoli del ruolo, chi è in maggioranza e chi è in minoranza. Il sistema Italia da’ il meglio di sè davanti all’emergenza singola, vedi il ponte Morandi, adesso sull’Ilva.

Creeremo un’emergenza nazionale, tutti quanti saranno coinvolti, tutti daranno un contributo”, ha insistito. “Siamo in emergenza nazionale, e noi quando siamo in emergenza nazionale riusciamo a coordinare le nostre forze al meglio e farle esprimere al meglio. Dobbiamo lavorare come se fosse un’emergenza nazionale”, ribadisce il premier. Intanto, dall’opposizione, Matteo Salvini respinge già la proposta ‘renziana’ prima ancora che sia fatta. “L’unico governo possibile è quello che devono scegliere gli italiani”, scandisce, “l’elezione diretta del presidente non deve essere una scusa per tirare a campare”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker