Hi-Tech

Apple Store, le perquisizioni dei dipendenti a fine turno vanno retribuite

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Il tempo passato dai dipendenti degli Apple Store a farsi perquisire zaini ed effetti personali dalla security a fine turno va pagato: è questa la sentenza a cui è giunta la Corte Suprema della California, nell'ambito di una class action mossa dai dipendenti stessi nell'ormai lontano 2013. Le perquisizioni erano state attivate come misura di prevenzione contro i furti compiuti dai dipendenti stessi.

Un controllo di questo tipo non richiede tantissimo tempo – tra i 5 e i 20 minuti per persona: ma se si considera il numero complessivo di dipendenti che, contemporaneamente, finiscono il turno, le code possono arrivare a 45 minuti, stando alle testimonianze di coloro che hanno denunciato l'azienda. 45 minuti al giorno, non pagati, alla fine del mese fanno un discreto gruzzolo – o un sacco di tempo perso, a seconda di come la si vede.

La class action era stata rigettata in primo grado nel 2015, ma in fase di appello era stata chiamata in causa la Corte Suprema californiana. Che oggi ha dato ragione ai dipendenti, dicendo che questi sono "chiaramente sotto il controllo di Apple durante le, e mentre aspettano di sottoporsi alle, perquisizioni all'uscita".


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker