Hi-Tech

Apple entra nella FIDO Alliance: maggior sicurezza abbandonando le password

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Apple entra nella FIDO Alliance: è un consorzio, di cui fanno parte altri colossi del settore tech come Google, Facebook, Amazon, Arm, Intel, Microsoft, Qualcomm e Samsung, che si occupa di sviluppare protocolli e sistemi di autenticazione online più sicuri rispetto alle tradizionali password, come quella biometrica e quella a due fattori. L'acronimo sta per Fast Identity Online: molti sistemi operativi moderni, tra cui Android e Windows 10, lo supportano.

Apple era in effetti una delle ultime grandi aziende tecnologiche rimaste fuori dall'alleanza; entra subito come Board Level Member, in altre parole, come protagonista. Per il momento non c'è un comunicato ufficiale che spieghi perché l'azienda si sia finalmente decisa, o perché abbia aspettato tutto questo tempo; ma ora figura tra i membri sul sito ufficiale (link in FONTE). Vale la pena precisare che, benché Apple non abbia mai fatto parte della FIDO Alliance, ha sviluppato i propri protocolli di sicurezza – specialmente nel settore dell'autenticazione biometrica, con Touch ID prima e Face ID poi. Ma Apple per ora ha usato questi sistemi come complemento alle tradizionali password: FIDO le vuole eliminare del tutto. Combinando autenticazione a due fattori e biometrica, l'obiettivo ultimo è che l'utente non debba mai nemmeno impostarla, una password.

Naturalmente FIDO Alliance immagina uno standard aperto e in grado di funzionare correttamente con qualsiasi dispositivo. Più prodotti sono compatibili, più possibilità ci sono che l'autenticazione a due fattori non sia una seccatura per l'utente: se cerco di fare il login a un sito Web e non ho lo smartphone a portata di mano per confermare la mia identità, magari ho uno smartwatch al polso, o una chiavetta di autenticazione Google Titan, per esempio. Un piano così ambizioso ha le migliori chance di funzionare solo se tutti i principali ecosistemi sono della partita: con l'arrivo di iOS, macOS e watchOS, che hanno quote di mercato importanti – almeno in Occidente – la proposta diventa molto più credibile.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker