Hi-Tech

Airbnb: il cliente distruggerà la casa affittata? Ce lo dice l'IA (in anticipo)

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Airbnb è una delle piattaforme online (non un agenzia immobiliare, come sentenziato dalla Corte di Giustizia Europea) più popolari tra i viaggiatori, e spesso anche noi di HDblog ci affidiamo a questo servizio per le nostre trasferte di lavoro. Se da un lato è importante tutelare i clienti in cerca di un appartamento, dall'altro anche chi affitta la propria casa necessita di garanzie: non sono pochi in effetti i casi di danneggiamento degli immobili occupati.

Airbnb offre una garanzia di protezione dai danni che scatta al momento della prenotazione di un alloggio, tuttavia l'obiettivo primario dell'azienda è quello di scongiurare a monte la nascita di problemi simili. Il celebre detto "prevenire è meglio che curare" risulta quantomai adeguato a ciò che vi stiamo per raccontare.

Airbnb potrebbe testare un nuovo approccio per la risoluzione di questo annoso problema: in aiuto potrebbe arrivare la startup Trooly, che di recente sarebbe stata acquisita dall'azienda. Questa detiene un brevetto che non sorprende sia entrato nelle mire di Airbnb, si parla infatti di una tecnologia di intelligenza artificiale che promette di scovare anzitempo eventuali danneggiatori seriali, o potenziali, analizzando il tenore di presenza online di un eventuale cliente, determinando così il livello di affidabilità.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker