Politica

Marcucci: "Governo a rischio? Si pensi al bene del Paese"

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

“Urlare contro il decreto legge o contro il Milleproroghe è sbagliato, bisogna mettersi al tavolo e trovare la soluzione. Bene, se c’è la volontà di trovare una soluzione, ma usare questa vicenda per altri fini inquina le acque”. In un’intervista al Corriere della Sera il capogruppo dem al Senato Andrea Marcucci osserva un po’ perplesso lo scontro sulla giustizia che sta dilaniando la maggioranza di governo. E si appella ai partiti che sostengono Giuseppe Conte perché abbassino i toni, la smettano di parlare di emendamenti e altri strumenti parlamentari e lavorino invece di gran lena per trovare un compromesso.

“Il lavoro da fare è tanto. Il lodo Conte è un passo avanti, che poi andrà calato negli strumenti normativi possibili. Definiamo le cose, scriviamo un testo” esorta Marcucci nell’intervista. Secondo il capogruppo dem a Palazzo Madama, infatti, il Milleproroghe “è parte della soluzione” ma “non è il veicolo per tutta la soluzione”, che deve a suo avviso prevedere invece anche altri provvedimenti e che preveda, ad esempio, anche “l’ipotesi di un rinvio breve della riforma della prescrizione” approvata dal M5S e dalla Lega.

E a quanti come i renziani, che con Ettore Rosato ritengono “uno scandalo” modificare il diritto penale attraverso il Milleproroghe, Marcucci risponde dicendo che non gli “interessa polemizzare sullo strumento, inviterei a confrontarsi prima sul merito”, ma se il decreto non fosse plausibile “potrebbe essere un disegno di legge delega, oppure un emendamento alla proposta Costa, di Forza Italia”, perché – sostiene ancora il capogruppo dem al Senato – “la modifica della prescrizione non basta. Come il Pd chiede da tempo, deve essere collegata a tempi del processo certi, definiti e brevi, come prevede la Costituzione”.

Ma il governo a questo punto sta rischiando grosso? Secondo Marcucci “il governo sta facendo bene e deve andare avanti, il Paese ne ha bisogno. Io sono perplesso su questa fase”, ma su Renzi e Bonafede dice: “Penso che bisognerebbe tutti sforzarsi di lavorare in modo costruttivo. Se le nostre migliori energie le impieghiamo per supportare il governo, invece che per criticarlo, le condizioni per un accordo ci sono, c’è bisogno di un compromesso”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker