Hi-Tech

Google: ecco quanto guadagna YouTube, divisione hardware multimiliardaria

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

La divisione hardware di Google è "multimiliardaria": è forse l'informazione che colpisce di più tra tutto quel mare di cifre da capogiro che è il rapporto di fine anno di Alphabet. Colpisce perché, almeno dalle nostre parti, è difficile imbattersi in un Pixel nella vita quotidiana, e perché la scommessa fatta da Google quattro o cinque anni fa, ovvero di riuscire a ritagliarsi un proprio spazio come produttore nel mondo dell'elettronica di consumo, non era certo scontata, data l'altissima concorrenza. Vale tuttavia soffermarsi sul fatto che le informazioni rilasciate sono ancora piuttosto vaghe – e l'esperienza insegna che quando i numeri sono buoni le aziende si impegnano fin troppo per spiattellarli ai quattro venti. Le prime considerazioni immediate sono che:

  • "Multimiliardario" è un termine piuttosto vago: dai due miliardi in su, vale tutto. Diciamo che è generalmente vero che la cifra reale è molto vicina al limite inferiore (per fare un parallelismo, se la tua canzone è terza in classifica, non dici che è nella top 10, anche se è tecnicamente vero: se non vuoi essere troppo preciso dici che è nella top 3).
  • Non sappiamo quanto incidano gli smartphone: Google è stata molto aggressiva con il marketing dei suoi dispositivi smart home, soprattutto nei più economici Google Home Mini, mentre i Pixel sono generalmente molto cari e non subiscono la stessa valutazione degli altri grandi marchi. Da ricordare poi tutta la famiglia Nest e i Chromecast. Qualche mese fa, il capo della divisione Made By Google Rick Osterloh aveva detto a The Verge che i numeri erano buoni, ma sotto le aspettative per un progetto quinquennale.
  • Non sappiamo quanto Google ci stia guadagnando: la società dice solo quanto sono stati i guadagni complessivi dell'intera azienda, ma non si addentra nei dettagli divisione per divisione.

LE CIFRE DI YOUTUBE, PER LA PRIMA VOLTA

Per la prima volta nella storia, Google rivela le cifre finanziarie precise relative alla sua piattaforma di streaming. Nel 2019, si scopre che ha generato la bellezza di 15 miliardi di dollari di fatturato; è una cifra da capogiro per chiunque altro, ma non raggiunge nemmeno il 10% del fatturato complessivo dell'intero gruppo, che passa agilmente i 160 miliardi di dollari. YouTube, aggiunge Google, ha circa 20 milioni di abbonati Premium (include anche Music Premium), e 2 milioni aggiuntivi che pagano YouTube TV.

80 MILIARDI AGLI SVILUPPATORI ANDROID

A margine del rapporto trimestrale, Sundar Pichai (il nuovo amministratore delegato dell'intera Alphabet, dopo la decisione di ritirarsi dei fondatori Sergey Brin e Larry Page) e il presidente di Android Hiroshi Lockheimer hanno detto che nel complesso Google ha pagato ben 80 miliardi di dollari agli sviluppatori di app e giochi presenti sul Play Store. Anche qui, è una cifra enorme, ma se contestualizzata con la concorrenza sembra quasi piccola: Apple ha pagato 120 miliardi, e i dati sono aggiornati alla primavera dell'anno scorso. Tra l'altro, gli utenti del Play Store scaricano molte più app di quelli dell'App Store. Insomma, Google conferma involontariamente ancora una volta il concetto che sviluppare per iOS è potenzialmente più remunerativo che per Android.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker