Hi-Tech

Avast chiude Jumpshot, vendeva i dati di navigazione degli utenti

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Avast ha deciso di chiudere Jumpshot, una sua sussidiaria che vendeva i dati personali degli utenti dell'antivirus agli inserzionisti interessati a profilarli. Il meccanismo è emerso negli scorsi giorni grazie a una inchiesta di Motherboard, anche se il sistema sembrava ragionevolmente trasparente – un messaggio al primo avvio chiede esplicito consenso agli utenti, precisando chiaramente che dati come siti visitati, link cliccati e prodotti acquistati saranno raccolti per essere venduti. Avast era in procinto di distribuire la richiesta di consenso anche a chi aveva l'antivirus installato da un po'.

Jumpshot era attiva dal 2015. Tra i clienti più conosciuti figurano Intel e Tripadvisor. La dirigenza di Avast dice di aver sempre agito nel pieno della legalità e di essere anche perfettamente in regola con il GDPR, ma era ormai troppo tardi per fermare l'effetto negativo provocato dall'articolo della testata americana.Il valore delle azioni era sceso di ben il 9% nel giro di qualche giorno. Si è quindi deciso che la soluzione migliore per non perdere la fiducia di utenti e investitori fosse la chiusura dell'iniziativa.

Proteggere le persone è la priorità numero uno di Avast e deve essere alla base di tutto ciò che facciamo come azienda e come prodotti. Tutto ciò che va contro questa priorità è inaccettabile.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker