Hi-Tech

Facebook e le traduzioni: quando il Presidente cinese diventa una parolaccia

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Che tra Stati Uniti e Cina non corra buon sangue è ormai cosa nota, ma che il nome del Presidente della Repubblica cinese venga tradotto dall'americana Facebook (su Facebook) "buco di me**a" o più elegantemente "schifo" può effettivamente creare un certo imbarazzo. Ed è accaduto proprio questo, anche se questa volta Trump non c'entra.

Niente ban Huawei o fallimento dei negoziati per evitare i dazi, o ancora accuse di furto di proprietà intellettuale (come tuonava Trump la scorsa estate, invitando le imprese USA a tornare "a casa"). Niente di tutto ciò. L'incidente diplomatico è avvenuto in occasione della storica visita di Xi Jinping nel Myanmar, ospite del Premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, politica e Consigliere di Stato, per stipulare 33 accordi economici e per riallacciare rapporti raffreddatisi negli ultimi tempi tra i due Paesi.

Ed è proprio l'ignara Aung San Suu Kyi ad aver fatto la frittata, a dirla onestamente senza avere troppe colpe: non poteva di certo sapere che l'avanzatissimo strumento multi-lingue integrato in Facebook e basato sull'intelligenza artificiale poco intelligente (e molto artificiale) traducesse "Mr. Xi Jinping" dal birmano all'inglese in… "Mr. Shithole"… Il post è ancora online, seppur con qualche "correzione" (Google però il nome del Presidente cinese lo ha tradotto sin dal principio senza cadere in alcuna volgarità).


Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Technopoint a 449 euro oppure da Unieuro a 499 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker