Politica

In Emilia Romagna l'alleanza giallorossa non decolla (per ora)

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

Allearsi in Emilia Romagna, per gli azionisti di maggioranza del governo, potrebbe essere l’unica, residuale speranza per frenare l’onda della destra. Questo, almeno, a dare un’occhiata ai sondaggi, concordi nel descrivere – dopo il voto in Umbria – una crescita del centrodestra – con Lega e Fratelli d’Italia in testa – e una brusca frenata del centrosinistra.

Secondo la supermedia elaborata da Youtrend per AGI la Lega è primo partito al 32,8 per cento, con una crescita di 1,2 punti percentuali; Fratelli d’Italia si attesta all’8,9 per cento (+1,1) e una lieve ripresa interessa anche Forza Italia, al 6,8 per cento (+0,2). Male i partiti di maggioranza: il Pd perde 0,7 punti percentuali scendendo al 18,9 per cento. Ancora peggio il Movimento 5 Stelle che perde un punto e mezzo scendendo a quota 18 per cento.

Salvini punta alla spallata

Il leader leghista sa bene che una sua vittoria in Emilia, dopo quella schiacciante in Umbria, rappresenterebbe una scossa tellurica per l’alleanza di governo. Per questo ha deciso di non attendere oltre e lanciare immediatamente la campagna elettorale in Emilia Romagna, con un appuntamento in un bar di Parma, puntando ancora forte sul tema della gestione dei flussi migratori. I sondaggi che arrivano sulla scrivania dell’ex ministro fanno parlare la Lega, con la candidata Lucia Borgonzoni, di una prossima “liberazione” dell’Emilia Romagna, regione ‘rossa’ che non ha mai conosciuto amministrazioni di destra.

Parole che stridono alle orecchie di chi attribuisce al termine “liberazione” un significato più profondo di quello di un semplice cambio della guardia in capo all’amministrazione regionale: “Qui la regione è stata liberata, come il resto del Paese, 74 anni fa e Salvini può venire a dire quello che vuole proprio in ragione di quella liberazione”, spiega il presidente uscente e candidato del Pd Stefano Bonaccini alla trasmissione Agorà. 

I dati nazionali, tuttavia, sono impietosi: Bonaccini, e con lui l’intero Pd, sa che senza una alleanza larga che comprenda forze politiche ma soprattutto civiche e sociali sarà difficile contrastare l’onda della destra. Da qui il nuovo appello perché i Cinque Stelle accettino almeno di discutere l’ipotesi di stringere un accordo con i dem: “Io penso che M5s abbia un’occasione di sedersi e verificare se sui programmi ci sono convergenza o meno: se non ci sono, amici come prima”, sottolinea Bonaccini.

La chiusura dei Cinque stelle

Il M5s, però, risponde picche con la vice presidente della Camera, Maria Edera Spadoni: “Noi corriamo da soli”. Un film già visto, ragiona un parlamentare dem che ricorda come, anche in occasione della formazione del governo e dell’alleanza in Umbria, i Cinque Stelle abbiano opposto un ‘niet’ apparentemente senza appello a qualsiasi ipotesi di alleanze con il Pd, salvo poi ritornare sui propri passi dopo il voto della base sulla piattaforma Rousseau.

In ogni caso il segretario nazionale del Pd non sembra disposto ad attendere ed è pronto a rompere gli indugi: dalla prossima settimana “il gruppo dirigente del Pd si sposterà in massa in Emilia Romagna per la campagna elettorale”, spiegano fonti parlamentari. Un appuntamento centrale sarà anche il lancio della fondazione culturale dei dem, presieduta da Gianni Cuperlo, e l’assemblea nazionale chiamata a votare la riforma del partito. Due appuntamenti che si concentreranno in tre giorni, dal 15 al 17 novembre, a Bologna.

Tra i dem circola, in ogni caso, un cauto ottimismo: rispetto all’Umbria, che ha pagato a caro prezzo gli effetti della crisi economica, la regione più rossa d’Italia gode ancora di un buon tenore di vita, frutto di anni di buona amministrazione e dell’attivismo del mondo delle cooperative. A quel mondo, sono pronti a scommettere i dem, Salvini cercherà di portare il suo attacco, spostando l’attenzione dai temi più nazionali, come le migrazioni, a quelli più locali ed economici, cercando di imporre una narrazione diversa del modello Emilia Romagna.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker