Hi-Tech

TIM investiga sull'attivazione di servizi a pagamento non richiesti su alcune SIM

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

TIM ha annunciato di aver avviato le indagini relative all'attivazione di servizi a pagamento non richiesti, riscontrati da diversi utenti anche su SIM installate in dispositivi non in grado di poter fruire dei servizi stessi.

In alcuni casi si parla proprio delle SIM utilizzate per dare connettività a dispositivi smart, come ad esempio le caldaie, ma anche ai sistemi d'allarme e altri ancora. Si tratta quindi di schede impiegate in apparecchi che non hanno modo di poter sfruttare alcun servizio a pagamento, motivo per cui l'attivazione risulta quanto meno sospetta, ed è probabile che il fenomeno non sia limitato solo a queste.

TIM afferma di aver avviato le procedure di rimborso automatiche per tutti gli addebiti effettuati erroneamente. Secondo le indiscrezioni, pare che la responsabilità dell'accaduto ricada su una società terza (il cui nome non è ancora emerso, ma pare che abbia attuato comportamenti simili anche nei confronti degli utenti Wind) e che TIM stia adottando nuove misure che dovrebbero porre fine a questi fenomeni. Ricordiamo che nel 2015 tutti i principali operatori furono indagati dall'Antitrust per l'attivazione di servizi non richiesti, quindi le procedure di rimborso automatico hanno anche lo scopo di evitare il ripetersi di un caso simile.


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 559 euro oppure da Amazon a 627 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker