Hi-Tech

Auto aziendali, la manovra economica 2020 potrebbe renderle molto più care

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

La manovra economica del 2020 potrebbe includere una brutta botta per le auto aziendali. I dipendenti che godranno di questo apprezzato fringe benefit dovranno pagare tasse calcolate sul 100% del loro valore, invece che sul 30% com'era successo finora. È prevista un'eccezione per gli agenti di commercio.

La cosiddetta "auto aziendale" è una forma di compensazione complementare allo stipendio che alcune imprese possono scegliere di elargire ai loro dipendenti. Sostanzialmente, chi gode di questo bonus ottiene un'auto che può usare sia per lavoro che per motivi personali (il cosiddetto uso promiscuo) "quasi gratis": non la compra, non paga la manutenzione, l'assicurazione o il bollo. Trattandosi di una forma di reddito, ci deve però pagare le tasse: la norma attuale prevede che il calcolo sia basato sul 30% del valore dell'auto (da notare che con questa espressione non ci si riferisce a prezzi di listino o quotazioni, ma è un calcolo piuttosto complicato che include diverse variabili, come il costo chilometrico basato sulle stime dell'ACI). Se non ci saranno modifiche alla proposta di legge, il calcolo verrà invece applicato sul 100% del valore.

Secondo i primi calcoli fatti dal Corriere della Sera, si tratterebbe di un aumento delle tasse molto pesante per i lavoratori: ipotizzando un reddito annuale di 40.000 euro lordi e con una Fiat Punto 1.4 come auto aziendale, si tratterebbe di 2.000 euro in più l'anno. Da notare che incrementerebbe anche l'imponibile IRPEF, e quindi anche le aziende stesse dovrebbero pagare più tasse.


Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2 è in offerta oggi su a 518 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker