Hi-Tech

USA contro Iran: ciberattacco dopo l'assalto ai pozzi petroliferi arabi

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

I venti di guerra soffiano attraverso le reti informatiche: l'America continua a darne prova nell'articolata vicenda che la vede contrapporsi all'Iran. E' sempre il governo di Teheran il bersaglio del ciberattacco messo a segno a fine settembre dagli States, che avevano già colpito una sua rete di computer nei mesi scorsi. Lo scenario geopolitico non cambia: sullo sfondo restano le azioni volte ad attaccare il petrolio saudita che gli USA attribuiscono al governo iraniano e che generano controffensive informatiche.

Quella di cui oggi parla Reuters è stata messa in atto dopo gli attacchi con droni e missili ai pozzi petroliferi situati in Arabia Saudita, avvenuti il 14 settembre: due funzionari statunitensi rimasti nell'anonimato hanno confermato che alla fine del mese scorso l'amministrazione Trump ha risposto a tali azioni con un attacco che ha colpito "il sistema informatico a livello hardware" con l'obiettivo di ostacolare l'attività di propaganda iraniana.

I contorni della vicenda non sono del tutto chiari, anche perché dal Pentagono arriva un secco no comment . Non si sa, ad esempio, quando esattamente e come si è svolto il ciberattacco, ma è abbastanza chiaro che gli Stati Uniti abbiano voluto "punire" I'Iran senza arrivare ad una guerra dichiarata.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker