Sport

Liechtenstein – Italia 0-5 / LE PAGELLE: gli azzurri si svegliano nel finale

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT

mancini

Un’Italia rivoluzionata e… addormentata. Immediato vantaggio azzurro dopo una clamorosa occasione per i padroni di casa, ma in Liechtenstein gli uomini di Mancini (pur dominando nel possesso palla) non incidono e sciupano tanto per i primi 70 minuti, concedendo anche l’occasione per l’1-1 agli avversari. I gol nel finale, con il crollo dei padroni di casa, e il record di vittorie consecutive addolciscono una serata approcciata nel modo sbagliato.

LIECHTENSTEIN: B.Buchel 6; Rechsteiner 6, Kaufmann 5,5, Hofer 6,5, Goppel 5,5; M.Buchel 5,5, Hasler 6, Sele 5 (38′ s.t. Wolfinger s.v.); Salanovic 6,5, Polverino 5,5 (dal 18′ s.t. N.Frick 5,5), Gubser (dal 11′ s.t. Y.Frick 5,5).

ITALIA: Sirigu 7; Di Lorenzo 5,5, G.Mancini 6, Romagnoli 6,5, Biraghi 6 (Dal 43′ s.t. Bonucci s.v); Zaniolo 5,5 (dal 18′ s.t. El Shaarawy 7), Cristante 5, Verratti 6,5; Bernardeschi 6,5 (Dal 29′ s.t. Tonali s.v.), Belotti 7, Grifo 5,5.

Sirigu 7: Serata in pantofole? Macché. Il portiere azzurro è costretto a molte più parate del previsto e nella ripresa è persino chiamato alla prodezza per evitare il gol del pari. Il fatto che sia stato decisivo è una buona notizia per lui, un bocciatura per la serata azzurra.

Di Lorenzo 5,5: Dei due terzini è quello che si sgancia meno. Sbadato in alcuni disimpegni e passaggi in orizzontale.

G.Mancini 6: Al 1′ minuto mura una conclusione avversaria e nega al Liechtenstein un clamoroso vantaggio; attento in difesa nell’arco dei 90 minuti.

Romagnoli 6,5: Una serata da professore, l’elemento esperto che guida una difesa che insieme ha giocato poco o nulla (e si vede). La gita fuori porta termina con il primo gol in nazionale.

Biraghi 6: Suo il cross vincente che manda in rete Bernardeschi in avvio: tanta corsa in avanti, ma incauto nel giocare in orizzontale che rischiano di concedere ripartenze agli avversari.

(Dal 43′ s.t. Bonucci s.v.: Sostanziale passerella per lui a Vaduz)

Zaniolo 5,5: Si intestardisce in alcune giocate personali: ogni tanto gli va bene (conquistando calci di punizione), in altri casi viene respinto con perdite.

(dal 18′ s.t. El Shaarawy 7: Mancini lo butta nella mischia e sfrutta al meglio l’occasione trovando il gol).

Cristante 5: Poca roba. Qualche pallone toccato e pochissimo filtro a centrocampo: quando il Liechtenstein trova lo spazio per l’imbucata, la colpa è anche un po’ sua.

Verratti 6,5: Cerca continuamente di smistar palla e sbloccare una manovra azzurra asfittica: il dominio nel possesso palla è anche merito suo.

Bernardeschi 6,5: Segna il gol del vantaggio dopo una bella azione di prima: prova spesso la conclusione da fuori: anche lui si fa trascinare nell’atteggiamento lezioso della squadra azzurra.

(Dal 29′ s.t. Tonali s.v.: esordio azzurro con fallo tattico e cartellino giallo)

Belotti 7: Poco incisivo in avvio è anche sfortunato: la difesa lo tiene sempre nel mirino e subisce anche un fallo da rigore (solare) non fischiato. Poi una doppietta che premia una serata di sportellate in area.

Grifo 5,5: Alla perenne ricerca della posizione. Mancini lo catechizza per tutta la partita, lui sembra recepire solo a sprazzi.

L’articolo Liechtenstein – Italia 0-5 / LE PAGELLE: gli azzurri si svegliano nel finale proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker