Sport

Biancavilla – Palermo 1 – 2 /LE PAGELLE: Ricciardo crea, Pelagotti salva: ed è fuga

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT

FOTO PEPE

FOTO PEPE
FOTO PEPE
FOTO PEPE
FOTO PEPE

Venti secondi, l’autogol e pensi che sia arrivata la giornata no. Finisce la partita e invece ti accorgi che non poteva andare meglio di così: vittoria esterna e concomitanti sconfitte di Acireale e Licata. Praticamente adesso è fuga. E tutto il resto non conta, perché tutto il resto è un Palermo meno ordinato del solito, condizionato forse da una partita “esplosa” subito e da un campo troppo stretto per poter giocare bene a calcio. Ma magari fossero questi i problemi…

BIANCAVILLA (4-3-3): Genovese s.v.; Tedeschi 6 (dal 36′ s.t. Marcellino s.v.), Bonaccorsi 5,5 (dal 20′ s.t. Maiorano 6), Scoppetta 6,5, Maimone 7; Viglianisi 5,5, Ancione 6,5, Guerci 5,5 (dal 45′ s.t. Leotta s.v.); Graziano (dal 15′ s.t. Condorelli 6) 5,5, Lucarelli 6,5, Rabbeni 6.

PALERMO (4-3-3): Pelagotti 7; Doda 5,5, Lancini 6, Crivello 6, Vaccaro 6 (dal 31′ s.t. Accardi s.v.); Langella 5,5 (dal 14′ s.t. Kraja 6), Martin 6,5, Martinelli 6 (dal 43′ s.t. Ficarrotta s.v.); Santana 6 (dal 20′ s.t. Sforzini 6), Ricciardo 7 (dal 31′ s.t. Ambro s.v.), Felici 6.

LA CRONACA DEL MATCH

Pelagotti 7: Incassa il suo primo gol in trasferta dopo appena 20 secondi ma glielo “segna” il suo compagno Crivello con un rinvio sghembo da tre metri: lui non può nulla. Non si perde d’animo e riesce a dare comunque serenità al reparto. Nella ripresa compie un vero e proprio miracolo su un colpo di testa. Freddo in tutte le mischie, salvato anche dalla traversa (terzo palo della stagione a suo favore, un po’ di fortuna non guasta).

Doda 5,5: Maimone nel primo tempo lo fa impazzire, saltandolo spesso anche con “giochi di prestigio”: Doda offre la peggiore prestazione della stagione senza peraltro mai superare la metà campo. Ma nel secondo tempo anche lui beneficia di un maggiore ordine complessivo e si rinfranca.

Lancini 6: Meno sicuro di tante altre volte. È una partita strana, c’è poco filtro a centrocampo e le palle piovono in area con una certa frequenza. Spreca troppi palloni con lanci lunghi evitabili che fanno arrabbiare Pergolizzi. I crampi nel finale sono un segnale di come oggi abbia dovuto lavorare di più.

Crivello 6: L’autogol è “clamoroso” perchè svirgola un rinvio apparentemente malleabile. La reazione del Palermo (due gol in 4′) lo rincuora ma come Lancini deve darsi da fare nelle tante mischie furibonde in area.

Vaccaro 6: Sulla sua fascia il Palermo soffre meno e non è un caso. Vaccaro deve preoccuparsi solo della fase difensiva ma grazie anche all’aiuto di Martinelli se la cava senza troppi assilli.

(dal 31′ s.t. Accardi) s.v.: Il tempo di sottolineare il suo nervosismo ma è troppo poco per un voto.

Langella 5,5: Pergolizzi lo preferisce a Kraja ma il suo debutto da titolare non è dei migliori. Sempre a caccia della posizione giusta, becca un’ammonizione evitabile. Unica attenuante: non si risparmia. Ma la sostituzione dopo un’ora è assolutamente corretta.

(dal 14′ s.t. Kraja): Ha la capacità di entrare subito in partita, prende la posizione e si rende subito utile alla squadra.

Martin 6,5: Tutto il Palermo (e un po’ anche lui) fa fatica a trovare le giuste geometrie in un campo troppo più stretto rispetto al Barbera. Splendida la punizione che porta in gol Ricciardo. I piedi sono sempre morbidi, il fosforo c’è sempre.

Martinelli 6: In ripresa rispetto alle ultime prestazioni. Collabora con Vaccaro nella protezione della fascia sinistra, prova un paio di sgroppate senza particolare fortuna.

(dal 43′ s.t. Ficarrotta) s.v.: 

Santana 6: Segna un bel gol, partendo sul filo del fuorigioco grazie al “velo” di Ricciardo. Poi però anche lui deve “inventarsi” la partita, faticando a trovare la posizione e gestendo per colpa non sua) pochi palloni. Ci sta che esca, la condizione atletica non è buona dopo due domeniche out.

(dal 20′ s.t. Sforzini) 6: La “coppia” con Ricciardo dura solo 10′ senza che il taccuino registri nulla. Quando esce Ricciardo lui cresce perchè diventa unico punto di riferimento e sfiora il gol del 3 a 1 su una bella iniziativa.

Ricciardo 7: Due minuti e segna di testa il suo primo gol in trasferta. Altri due minuti e la sua finta libera Santana davanti al portiere. Già basterebbe questo per un’ampia sufficienza ma lui come al solito combatte come un leone, le prende e le dà, cerca di difendere i pochi palloni sporchi che gli arrivano dalle retrovie con lanci lunghi.

Felici 6: Le cose migliori le fa partendo da dalla propria trequarti di campo. Strappa applausi per due galoppate imperiose che costringono gli avversari al fallo da ammonizione. Dalle parti dell’area avversaria si fa vedere poco e niente, prova a “rubare” un rigore ma la sua simulazione è da cinema di terzo livello e difatti si becca l’ammonizione.

LEGGI ANCHE

I RISULTATI DELLA SERIE D

PALERMO, 5′ DA RECORD A BIANCAVILLA

“TRASFERTA ALTERNATIVA” DEI TIFOSI AL MERCATO

 

L’articolo Biancavilla – Palermo 1 – 2 /LE PAGELLE: Ricciardo crea, Pelagotti salva: ed è fuga proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker