Politica

Meno parlamentari in aula, più rabbia su Twitter. La settimana social

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

Il taglio del numero dei Parlamentari è cosa fatta ma su Twitter il sentiment negativo raggiunge il 70% al quale si aggiunge il 17% di opinioni neutrali. E soprattutto all’interno dei contenuti pubblicati riscontriamo un altissimo livello di disapprovazione (74%) e rabbia (16%). 

Il taglio infatti a molti sembra una misura demagogica con un impatto ridotto sui conti pubblici. Altri invece colgono l’occasione per ribadire malumore verso la politica e la così detta “casta”.

Discussione che appassiona gli italiani: sulla nuova legge hanno prodotto oltre 21mila tweet e quasi 60mila condivisioni,

Col 25% di retweet Carlo Calenda supera Luigi Di Maio (20%). Il taglio per Calenda rappresenta “una resa senza condizioni” da parte del Partito Democratico. Una teoria espressa in un video pubblicato sui suoi profili social.

Due parole “de core” agli elettori del @pdnetwork e di Italia Viva. #TaglioParlamentari @SiamoEuropei pic.twitter.com/QjAYYG3dXF

— Carlo Calenda (@CarloCalenda)
October 8, 2019

 

I numeri delle condivisioni

I profili che hanno avuto più successo sono diversi ma nessuno ha fatto meglio dell’economista Carlo Cottarelli.

Non è la prima volta. Grazie a uno stile che permette di stimolare riflessioni, ma in modo divertente, Cottarelli ottiene spesso grandi performance su Twitter. Anche sul taglio dei parlamentari non risparmia critiche, ma lo fa, come sempre, con ironia.  

Qual è il numero che unisce il #TaglioParlamentari e James Bond? 007. Al netto delle imposte sugli stipendi dei parlamentari, il taglio fa risparmiare allo stato lo 0,007% della spesa pubblica. Certo questo risolverà i nostri problemi dei conti pubblici… o no?

— Carlo Cottarelli (@CottarelliCPI)
October 8, 2019

 

Polemica pesante tra chef Rubio e Salvini

Lega e Forza Italia dopo la tragedia avvenuta a Trieste pubblicano più del 60% dei tweet. Anche l’audience ne ha discusso ampiamente con 30mila tweet e più di 60mila condivisioni.

Un fatto di cronaca che ha provocato uno scambio al vetriolo tra l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini e chef Rubio.

“Non sei chef, sei stupido”, aveva scritto il leader della Lega commentando i post dedicati dal cuoco alla vicenda della sparatoria. 

“Ho capito per cosa io pago le tasse: per far giocare @matteosalvinimi sui social” ha replicato Rubio.  

Questi i tweet di maggior successo: quello di Chef Rubio (maggior numero di menzioni dirette) e quello di Giorgia Meloni (maggior numero di condivisioni

Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedon nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra https://t.co/9qHAIa63BL

— Chef Rubio (@rubio_chef)
October 4, 2019

All’Altare della Patria il commovente omaggio della Polizia ai colleghi uccisi a Trieste. Veramente emozionante. pic.twitter.com/oOW5bb9xBy

— Giorgia Meloni ن (@GiorgiaMeloni)
October 5, 2019

 

Sui fatti di Trieste Salvini incassa la maggior quantità di retweet (47%) ma è chef Rubio la new entry con il maggior numero di menzioni dirette (67%), ampiamente di più della Polizia di Stato e di Giorgia Meloni.

Disapprovazione, rabbia, paura e tristezza: il duplice omicidio avvenuto nella Questura di Trieste unisce gli italiani all’insegna delle emozioni negative. Ma le percentuali più sorprendenti riguardano gioia (12%) e ammirazione (10%) proprio perché in molti hanno commentato con emoji ed ironia il duello tra Rubio e Salvini.

 

Almeno su Twitter il Milan vince! #PioliOUT trending topics

Milan: la pazienza dei tifosi è finita e la rabbia scoppia su Twitter. #PioliOut è l’hashtag della protesta entrato rapidamente tra i trending topics mondiali. Più di 33mila tweet pubblicati in poche ore, un record. Sentiment ovviamente negativa su tutta la linea.

Ecco l’intero report

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker