Sport

Sforzini, quel bellissimo “gol” segnato dopo… il gol

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT

esultanza-palermo-cittanovese

esultanza-palermo-cittanovese
sforzini-palermo
sforzini
sforzini-3

Lasciamo da parte tutto. Non perché non conti, anzi, perchè si fa fatica a mandarlo via. Mio padre diceva che chi si interessa davvero alle cose del mondo, è destinato all’ulcera perenne. Sono stati giorni di sangue versato sulle divise, estorto ad una donna che voleva lasciare il marito, non visto per un naufragio a Lampedusa. Ci si rischia di abituare a tutto. E di non sentire l’ulcera. Però è stato anche un periodo di piccole, piccolissime storie che sono passate e che hanno lasciato una traccia bella. Forse non sufficiente a sanare il morbo di negatività che ci attanaglia.

IL PALERMO GUARDA TUTTI DALL’ALTO: NESSUNO IN ITALIA COME LUI

Prendiamo questo ragazzo qui. Si chiama Ferdinando Sforzini. Ora gioca nel Palermo, in serie D. La sua carriera è stata quella di un buon mestierante di provincia, passato in squadre che dopo o prima di lui avevano conosciuto traguardi prestigiosi, perchè la vita a volte è anche un appuntamento col destino sotto forma di pallone. Sassuolo, Avellino, Bari, anche una puntata in un club estero, il Cluj.

Gioca in una formazione che finora è stata la schiacciasassi della serie D, sesta vittoria consecutiva. Contro la Cittanovese. Sforzini è in panchina durante la partita, entra e dopo circa un minuto, segna. Ma non è tanto questo. Dopo è il momento di parlare davanti ai microfoni, domande normali, cui un calciatore ormai risponde con il pilota automatico, sorridendo, cortesemente. Ma è il suo primo gol in maglia rosanero e parte inesorabile una domanda: “a chi lo dedichi questo gol?”. Lui inizia bene, tranquillo: “a mio figlio”, poi prosegue con la voce che assume una parabola discendente. “Lo dedico a lui che vive lontano e non lo vedo quanto vorrei”. Alla seconda domanda sul figlio la voce è rotta dall’emozione. Gli si chiede perché si stia commuovendo così.

Lui risponde “sono un padre, è un legame forte e non riesco a vederlo quanto vorrei”. Qui non si parla di calciatori miliardari, si parla di un buon mestierante di provincia. Ferdinando è tra quei padri che sente forte il legame, uno di quegli uomini che comunque si ricorda sempre di essere un papà e che forse vorrebbe dimostrarlo più frequentemente. E che si augura soprattutto, che il proprio figlio sia orgoglioso di lui. Come lo spera chiunque con qualsiasi mestiere. Perchè se si è buoni padri, vicini o lontani, un giorno sarà bello vedere il proprio figlio dire parole che non sono solo tramandate, sono tatuate addosso. E speriamo che Ferdinando abbia tanti gol da dedicare al figlio. Tantissimi ancora.

(tratto dalla pagina Facebook di Ettore Zanca)

LEGGI ANCHE

LE PAGELLE IRONICHE DI AMENTA E FERRARA

SFORZINI IN LACRIME: “QUESTO GOL E’ PER MIO FIGLIO”

SERIE D, GIRONE I: RISULTATI E CLASSIFICA

LE PAGELLE DI GUIDO MONASTRA

L’articolo Sforzini, quel bellissimo “gol” segnato dopo… il gol proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker