Politica

"Non sono il tipo che porge l'altra guancia", dice Luigi Marattin

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

In un’intervista a la Repubblica, Luigi Marattin, economista e vicecapogruppo di Italia Viva alla Camera dei deputati, protagonista ieri di un acceso scontro via Twitter con il ministro Franceschini, dice che lui si è “soltanto battuto per evitare l’aumento dell’Iva mentre lui negava dei dati di fatto”.

Marattin non demorde e non arretra, e non è intenzionato a chiedere scusa al collega parlamentare ed ex compagno di partito fino a poche settimane fa: “Non sono il tipo che porge l’altra guancia – dice – se mi attaccano io replico”. Ne ha per tutti Marattin, anche per il leghista Borghi che ritwitta i tweet di Marattin quando si diceva contrario all’aumento del deficit, che ora anche la maggioranza sembra invece invocare. E lui si difende dall’accusa di protagonismo e di essere “campione del controcanto” ribattendo: “Lo faccio perché non voglio che aumentino le tasse”. E poi si chiede: “Ma perché in questo Paese non si può mai dibattere nel merito delle cose?”

Ed è anche per questo che ha lasciato il Pd con Renzi e per Renzi, perché “volevo un posto dove poter dire, ad esempio, che la patrimoniale non si può fare, senza passare per uno di destra. O farsi rinfacciare da metà partito di avere fatto il Jobs Act”, risponde al quotidiano che lo sollecita. E se Marattin ha scelto Renzi è perché l’ex segretario ed ex premier “ha sdoganato il concetto per cui in politica si possono cambiare le cose senza chiedere il permesso a nessuno”.

Ma Marattin si ritiene ancora uomo di sinistra? “Se è dare un’opportunità a tutti – risponde alla domanda – lo sono ancora, se significa mantenere le protezioni in un mondo del lavoro che non c’è più, non lo sono”. 

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker