Politica

Polemica a Cagliari sul 'cimitero dei feti'

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

I gruppi di centrosinistra all’opposizione nel consiglio comunale di Cagliari chiedono il ritiro della mozione presentata dalla maggioranza per aprire una sorta di ‘cimitero dei feti’ e istituire un registro dei bimbi non nati. Non ancora inserito all’ordine del giorni dei lavori dell’aula, il documento che sta sollevando vivaci polemiche sui social, è firmato da Stefania Loi, del gruppo Fratelli d’Italia, e da consiglieri di Lega e Partito sardo d’azione: Antonello Angioni, Roberto Mura, Loredana Lai, Antonella Scarfò, Roberta Perra, Corrado Maxia, Marcello Polastri, Alessandro Balletto, Alessandro Fadda, Antonello Floris, Enrica Anedda Endrich, Pierluigi Mannino, Salvatore Sirigu.

Secondo la mozione, tra l’altro l’Amministrazione comunale dovrebbe sostituire la definizione di legge ‘prodotti abortivi’ con ‘bambini non nati’. “Crediamo che tali proposte, oltre che essere contrarie alla legge vigente, costituiscano una inopportuna intromissione nelle scelte individuali, spesso sofferte e dolorose e dipendenti da condizioni economiche, sociali, sanitarie e comunque sempre personali e intime”, sostengono in una nota congiunta i gruppi del Pd, Progressisti, Sinistra per Cagliari e Progetto Comune.

“‘Riaffermare nella società civile il diritto-dovere del cittadino di sostenere e difendere la vita sin dal concepimento in tutte le sue esigenze’, come si legge nella mozione, è un principio che mira a limitare la libertà di scelta delle donne in forte contrasto con quanto prevede la legge 194 del 1978” sull’interruzione volontaria di gravidanza, precisano i consiglieri del centrosinistra.

“Se questa mozione dovesse essere discussa e approvata”, paventa il centrosinistra, “le donne che scelgono per i più svariati motivi l’interruzione volontaria di gravidanza secondo le modalità previste dalla legge, verrebbero stigmatizzate con una prassi che riconosce lo status e il nome di ‘bambino’ a un embrione”.

FdI propone una campagna per il parto anonimo

L’opposizione boccia anche un’altra mozione, sempre del gruppo FdI, che propone una campagna informativa (‘Ninna nanna fillu meu’, ninna nanna figlio mio) sul parto anonimo con risorse dell’assessorato comunale alle Pari opportunità. “Riteniamo che anch’essa si inserisca nel solco della stigmatizzazione delle donne che scelgono di ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza”, spiegano i consiglieri comunali di Pd, Progressisti, Sinistra per Cagliari e Progetto Comune, chiedendo il ritiro anche di questa mozione.

“Riteniamo che le medesime risorse sarebbero impiegabili più proficuamente in campagne per la contraccezione, l’affettività e la maternità consapevole e soprattutto in un potenziamento dei servizi per la genitorialità e per l’infanzia.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker