Hi-Tech

Huawei guarda a Linux: spediti i primi MateBook basati su Deepin

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Le tensioni tra Huawei e gli Stati Uniti sono ben lontane dalla conclusione, e la società continua a valutare soluzioni alternative che le permettano di aggirare le restrizioni imposte dal ban riducendo la dipendenza dai partner statunitensi. Non solo Google e le sue licenze per l'utilizzo di alcune delle più importanti app Android, ma anche Microsoft e il suo sistema operativo Windows potrebbero risultare inaccessibili in futuro alla casa cinese, qualora venisse confermata la linea dura intrapresa sino ad ora.

Se in campo mobile l'alternativa – che prende il nome di Harmony OSnon è ancora pronta all'uso, sembra che Huawei abbia già trovato una soluzione per quanto riguarda il mondo PC. Questo è ciò che emerge da una pagina del negozio online cinese V-Mall, in cui sono comparse delle versioni speciali di MateBook 13 (Recensione), MateBook 14 e MateBook X Pro (Recensione) equipaggiate di serie con un sistema operativo basato su Linux.

La scelta fatta da Huawei ricade su una distribuzione ben precisa, ovvero Deepin (maggiori dettagli QUI). Si tratta di una variante di Debian il cui sviluppo è stato portato avanti dalla società cinese Wuhan Deepin Technology. Deepin offre un design molto curato e integra nativamente diverso software open source e proprietario, come ad esempio una versione di Chrome, un'app per Spotify, Steam, WPS Office, uno store di applicazioni e molto altro ancora.


Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Gaming Pro a 422 euro oppure da Amazon a 465 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker