Hi-Tech

Zao, l'app cinese per scambiare il volto diventa il nuovo "caso FaceApp"

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

A qualche mese dal caso FaceApp, l'app del 2017 che questa estate è diventata virale grazie alla sua capacità di sfruttare le reti neurali per invecchiare il volto dell'utente, creando qualche grosso dubbio riguardo la sicurezza dei dati personali trattati, oggi torniamo a parlare di un fenomeno simile, questa volta proveniente dalla Cina.

Protagonista è questa volta Zao, un'applicazione cinese per iOS che permette all'utente di scambiare il proprio volto con quello di una celebrità del mondo del cinema, dello sport o quant'altro, all'interno dei video, sfruttando il potenziale delle reti neurali. Anche in questo caso, come evidenziato da Reuters e App Annie, il problema principale riguarda le politiche riguardanti la gestione dei dati personali; una volta accettati i soliti Termini e Condizioni – che solitamente non vengono letti in maniera approfondita – l'utente cede a Zao tutti i diritti riguardo l'utilizzo dell'immagine del proprio volto, accettando che la società possa utilizzarlo per finalità di marketing e altro ancora.

La società pare aver annunciato su Weibo la sua intenzione di modificare il passaggio incriminato, in modo da rassicurare tutti coloro che utilizzano regolarmente l'app. In ogni caso sembra che ciò non avverrà in tempi brevi, motivo per cui vi invitiamo a non utilizzare l'applicazione nel frattempo. Questa è disponibile anche sull'App Store italiano, ma preferiamo non fornirvi il link diretto.


Il miglior display sul mercato e un design fantastico? OnePlus 7 Pro è in offerta oggi su a 575 euro oppure da Amazon a 699 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker