Politica

L'idea di Franceschini per sbrogliare il nodo del vicepremier

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

La mossa di Dario Franceschini è stata meditata e concordata con il segretario dem, Nicola Zingaretti: non prevedere alcun vicepremier da affiancare a Giuseppe Conte e rimettere la palla al centro con i temi del programma. Un “nuovo contributo del Partito Democratico” per superare lo stallo e far decollare il governo Conte 2. Alla base della scelta, viene spiegato da fonti parlamentari, c’è il ritorno di voci insistenti circa una soluzione con il doppio vicepremier, così come era stato con il governo a trazione Lega-M5s. Uno schema sgradito al Partito democratico che vuole varare un governo il più lontano possibile dalla precedente esperienza.

Ecco quindi il ‘sacrificio’ messo sul tavolo delle trattative a distanza – per ora – fra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Un passo anticipato dalle parole pronunciate da alcuni dirigenti dem nelle ultime ore, specie da quelli che hanno partecipato ai tavoli con Conte.

Prima Graziano Delrio e poi Andrea Marcucci, i due capigruppo del partito, hanno invitato a non fossilizzarsi sui posti a sedere nel nuovo esecutivo. Marcucci, poi, ha spiegato chiaramente che “non fallirà tutto per Luigi Di Maio. Se il problema è questo, la soluzione si trova”. Ora l’attenzione si sposta sull’altro interlocutore. La domanda che si fanno nel Pd è se Luigi Di Maio accoglierà la proposta o cercherà di rilanciare. 

In mattinata, l’intervista di Andrea Marcucci ha provocato la reazione di Carlo Calenda che su Twitter lo accusa di voler spianare la strada al sì a Di Maio dopo averlo già fatto con il sì a Conte. “Andrea Marcucci è quello che ha smentito Zingaretti facendo saltare la linea del no a Conte. Oggi demolisce la linea del no a Di Maio a trattativa aperta. Marcucci era uno dei Senza di me. Lo stato delle cose nel Pd”.

Ma che la mossa di Franceschini fosse concordata sembra dimostrato anche dal post con cui Paolo Gentiloni, presidente dem e dirigente tra i più vicini a Zingaretti in questa fase, condivide la riflessione di Franceschini. seguito poi da quello del segretario: “Un altro contributo del Pd per sbloccare la situazione e aiutare il Governo a decollare”, scrive Zingaretti.

Calenda però non sembra convinto e dopo la ‘mossa’ di Franceschini, prima i fa ironico: “Dario, ti prego: dimmi che il video a cui fai riferimento era quello della pubblicità dello yoghurt dell’89”, scrive facendo riferimento a una vecchia pubblicità con Beppe Grillo protagonista. Poi torna ai toni più duri: se il Pd deve fare “questo obbrobrio per paura delle elezioni o altro” lo facesse pure ma “almeno senza queste umilianti genuflessioni a Grillo. Perché chi rappresenta una comunità ne deve preservare prima di tutto la dignità”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker