Politica

M5s, Pd e Lega si presentano alle consultazioni in ordine sparso. Per ora

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

La strada verso le consultazioni al Quirinale è costellata di slanci in avanti e brusche frenate. Le ultime notizie parlando dell’incontro tra Pd e M5s saltato a pochi minuti dall’inizio, mentre le ipotesi di composizione di un eventuale governo giallo-rosso si susseguono solo per essere subito smentite. Ecco com sta andando la giornata

Ore 11,15

Fonti Dem confermano che l’incontro delle 11 tra Zingaretti, Orlando, Conte e Di Maio è annullato con una telefonata da palazzo Chigi.

Oe 11,20

La riunione della direzione del Partito Democratico, prevista per oggi alle 18, viene spostata a domani, mercoledì, alle ore 10

Oe 11,27

“L’accordo di governo rischia di saltare per le ambizioni personali di Luigi Di Maio” riferiscono fonti del Pd. Di Maio “vuole fare il ministro dell’Interno e il vicepremier. Su questo non sente ragioni e va avanti a colpi di ultimatum”.

Ore 11,40

“Non c’è esito. Ci sono ultimatum da parte di Grillo e Di Maio su un Presidente del Consiglio trasformista che ha firmato tutte le peggiori porcate del Governo giallo-verde. Zingaretti aveva detto no. Calarsi le braghe non si può. Il tempo scadeva ieri. Basta, ritrovate un po’ di orgoglio diamine!” scrive Carlo Calenda su Twitter.

Ore 11,50

“Sono tre giorni che il Pd parla di proposte: salari, ambiente, sviluppo e imprese, infrastrutture, scuola e cultura. E il M5s risponde soltanto per ultimatum” scrive il vice segretario Pd Paola De Micheli.

Ore 12,05

“Il Pd sta facendo uno sforzo enorme per dare una risposta al caos creato dai gialloverdi. Salari, ambiente, sanità, scuola, infrastrutture, diritti, sicurezza: confrontiamoci su questo. Basta ultimatum” scrive Andrea Martella, coordinatore della segreteria Pd.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker