Hi-Tech

Apple poco chiara su dove vengono salvati i dati iCloud, class action negli USA

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Apple è stata accusata di scarsa trasparenza sulle modalità di archiviazione dei dati salvati su iCloud: la class action è stata intentata presso la US District Court del Northern District della California. Nello specifico, alcuni utenti ritengono che l'azienda di Cupertino non fornisca adeguate informazioni in merito ai server presso cui i dati stessi vengono archiviati. La poca chiarezza si riferisce all'utilizzo da parte di Apple di server di terze parti – Amazon, Microsoft e Google -, aspetto che, secondo l'accusa, non verrebbe correttamente esplicitato agli utenti. Al momento dell'adesione al servizio, infatti, si verrebbe indotti a ritenere che tutto ciò che viene salvato su iCloud venga gestito "internamente" dalla stessa Apple, archiviando i dati in server di sua proprietà.

Ecco un estratto della documentazione depositata presso la corte californiana:

Presentarsi come fornitore del servizio iCloud (quando, nella realtà, Apple stava semplicemente rivendendo lo spazio di archiviazione cloud su strutture cloud di terze parti) ha permesso ad Apple non solo di ottenere abbonamenti a pagamento da parte di utenti che si iscrivevano ad iCloud credendo che l'archivio cloud venisse fornito da Apple, ma consentiva alla stessa Apple di addebitare [agli utenti] un premio per il suo servizio iCloud perché gli abbonati attribuivano un valore al fatto di avere il brand "Apple" come fornitore del servizio di archiviazione dei loro dati più sensibili.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker