Hi-Tech

ZEISS: niente corsa ai MegaPixel, il futuro è la fotografia computazionale

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

E' indubbio che negli ultimi mesi si sia tornati alla "rincorsa dei MegaPixel" per le fotocamere degli smartphone. Ne sono una palese dimostrazione il debutto in Spagna di Xiaomi Mi A3 – la cui tripla cam posteriore annovera un sensore principale da 48MP – così come i 64MP garantiti da Samsung attraverso i sensori ISOCELL annunciati a maggio. Ma ce n'è davvero bisogno? E ancora: è vero che più sono i MegaPixel, più le foto "vengono bene"? A rispondere a queste domande ci ha pensato Michael Kaschke, Presidente e CEO del Gruppo ZEISS, nel corso di una visita in India.

C’E’ UN LIMITE A TUTTO

Si può arrivare fino a un certo punto, e non oltre: è questo, in sintesi, il pensiero del CEO. Ad influire su questo aspetto sono le dimensioni degli smartphone (il loro spessore in particolare), nonché le capacità di processare le immagini da parte dei dispositivi. "40MP sono più che sufficienti", ammette Kaschke, anche per ottenere risultati di tipo professionale.

E' inutile dunque fare la corsa verso il numero più alto di MegaPixel, la qualità viene offerta da ben altro. E di questo parliamo nel prossimo capitolo.


Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus è in offerta oggi su a 629 euro oppure da Amazon a 689 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker