Hi-Tech

Recensione Xiaomi Mi A3 tra luci, ombre e Android stock

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Xiaomi Mi A3 è il nuovo smartphone Android One dell’azienda cinese, quindi niente MIUI e interfaccia Android più familiare. Lo abbiamo brevemente visto nella nostra anteprima qualche giorno fa, tra luci e ombre ed una scheda tecnica che lascia spazio a qualche dubbio. Su tutti capeggia la risoluzione del display solo un HD+ e l’assenza del chip NFC per i pagamenti contactless, due compromessi difficili da digerire a prima vista, considerato soprattutto il prezzo di listino fissato a 249 euro.

Negli ultimi due anni la serie si è fatta largo nel segmento, il Mi A1 e A2 Lite sono stati dei veri e propri best buy e Mi A3 porta sulle spalle l’enorme peso del successo dei predecessori. Questo nuovo modello ha quindi l'arduo compito di continuare la striscia positiva e tenere alto il nome della famiglia Mi A / Android One. Sarà riuscito nell’impresa?

DISPLAY SOLO HD+ CHE SPIAZZA MA NON SFIGURA

Partiamo col componente che, sulla carta, parrebbe il più debole: il display. Il pannello utilizzato è un OLED da 6 pollici con risoluzione HD+ (720 x 1560p). Vista la diagonale così ampia la densità è pari a solo 283 ppi, dunque molto più bassa rispetto a quanto siamo ormai abituati: a occhio nudo si riescono a distinguere i pixel e la visione degli elementi non è definita, in particolare i testi.

(aggiornamento del 24 July 2019, ore 07:36)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker