Hi-Tech

La Pioggia Anulare di Saturno svelata dalla sonda Cassini

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

La sonda Cassini è entrata nell'atmosfera di Saturno lo scorso autunno, completando una missione ventennale che l'ha vista orbitare 294 volte intorno al pianeta, fornendo agli studiosi ben 453.048 immagini su cui lavorare. A distanza di un anno dalla sua distruzione nell'atmosfera, Cassini continua a fornire interessanti spunti per gli scienziati della NASA, attualmente a lavoro sui dati inviati dalla sonda nella sua fase finale.

L'ultimo studio NASA pubblicato su science.sciencemag.org, riguarda proprio le orbite finali di Cassini e viene soprannominato dagli stessi scienziati "Grand Finale". Analizzando i dati forniti da Cassini, i ricercatori hanno trovato prove di particelle e gas che dagli anelli interni di Saturno cadono nella sua atmosfera superiore; non si tratta di una leggera pioggia ma una cosa come 10 tonnellate di materiale al secondo.

Mentre alcune di queste particelle cadono rapidamente su Saturno, alcune di queste diventano elettricamente cariche e si muovono a spirale lungo le linee del campo magnetico cadendo sul pianeta creando un fenomeno chiamato "pioggia anulare". I ricercatori hanno scoperto inoltre che queste particelle immerse in "nanograni" d'acqua, sono costituite da diversi composti organici rispetto a quelli trovati nelle lune di Saturno. Secondo la NASA quindi, nel sistema Saturno esistono tre distinti serbatoi di molecole organiche.


Schermo Oled da 6 pollici in dimensioni contenute? LG V30, in offerta oggi da Tiger Shop a 385 euro oppure da ePrice a 501 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker