Cronaca

Medici e infermieri, meglio disoccupati che al pronto soccorso

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

Il deputato all’Ars Francesco Cappello: “Ricerca di medici infruttuosa nei posti di frontiera della sanità, dove le condizioni di lavoro, a causa della carenza di personale, sono disumane e le aggressioni all’ordine del giorno. L’ultima, freschissima, al Vittorio Emanuele di Catania. Pronta una mozione per innescare procedure di reclutamento d’urgenza”.

Medici e infermieri, meglio disoccupati che al pronto soccorso. M5S: “Là c’è il far west, a vuoto le ricerche a Caltagirone e in tanti in altri posti”

“Meglio disoccupati che al pronto soccorso” Nella terra di Pirandello, dove il lavoro latita paurosamente, succede anche questo, che le chiamate per medici ed infermieri in numerosi pronto soccorso non trovano risposta e i posti restano desolatamente vuoti”

“Solo per fare un esempio – afferma il deputato M5S della commissione Sanità dell’Ars, Francesco Cappello – possiamo citare il pronto soccorso di Caltagirone, dove i posti occupati sono circa il 50 per cento di quelli previsti in pianta organica: dei 26 medici previsti ce ne sono in servizio solo 10, mentre rispondono all’appello 18 infermieri dei 34 sulla carta. E quello che accade a Caltagirone succede in tantissimi pronto soccorsi siciliani, specie nei più piccoli”.

“Le Asp e le aziende ospedaliere – racconta Cappello – scorrono le graduatorie e provvedono alle chiamate per i pronto soccorso, ma non ricevono alcuna riposta. Paradossalmente ci sono giovani medici che preferiscono anche rimanere a casa, in attesa di migliori collocazioni, che spesso non arrivano in tempi brevi, piuttosto che scegliere di lavorare in quello che sta diventando una sorta di Far west. Perché di questo si tratta: molti professionisti operano in condizioni disumane e spesso rischiano pure la pelle a causa delle frequenti aggressioni. L’ultimo caso, freschissimo al Vittorio Emanuele di Catania. Così non può continuare”.

Per porre riparo alla situazione il M5S ha presentato una mozione all’Ars per impegnare il governo regionale ad attivare urgentemente diverse procedure di reclutamento, anche straordinarie. Tra queste, procedure concorsuali e di mobilità infra ed extra regionale per medici di altri pronto soccorso o di altri camici bianchi compatibili con l’operatività nelle aree di emergenza.

La cronica carenza di camici bianchi, cui le frequenti chiamate di Asp e aziende ospedaliere non riescono a fare fronte, è confermata da un recente studio di Anaao -Cimo che testimonia come nei pronto soccorso con accessi che vanno dai 30 mila ai 50 mila annui, i vuoti arrivano a sfiorare il 50 per cento della dotazione organica prevista dal decreto assessoriale 1380 del 2015.

Secondo Massimo Geraci, referente Anaao per l’emergenza, per riportare i medici in pronto soccorso si dovrebbe pure agire sul piano della vocazione e formazione professionale”.

“Bisogna – dice – creare medici specializzati ad hoc, il pronto soccorso non può essere un posto di ripiego per un cardiologo o uno pneumologo che non hanno trovato spazio altrove. Nel 2008 in 25 università italiane è partita la specializzazione in medicina e chirurgia di accettazione e di emergenza. In Sicilia si è partiti solo lo scorso anno e solo a Catania. I risultati si vedranno solo fra qualche anno”.

“Occorre inoltre – aggiunge Geraci – potenziare le strutture di PS di risorse organizzative ed umane ed affrontare il problema del ‘boarding’ attraverso una seria rimodulazione della rete ospedaliera, tenendo conto della attuale domanda di ricovero appropriata ma non soddisfatta”.

L’articolo Medici e infermieri, meglio disoccupati che al pronto soccorso sembra essere il primo su BlogSicilia – Quotidiano di cronaca, politica e costume.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker