Cronaca

Il proporzionale salva i big, da Faraone a Schifani, da Stancanelli a Sudano tutti gli eletti al Senato in Sicilia

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

Se i collegi uninominali sono un vero e proprio disastro per i partiti tradizionali consegnando tutti i seggi disponibili in Sicilia ai 5 stelle, la quota proporzionale salva tanti big alla riconferma e qualcuno al primo mandato ma considerato elettoralmente molto rilevante.

Complessivamente i Senatori eletti in Sicilia sono 25 e 9 di questi sono stati scelti con i collegi Uninominali. Sono tutti 5 stelle e si tratta di Steni Di Piazza, Grazia D’Angelo, Pietro Lorefice, Rino Marinello, Francesco Mollame, Pino Pisani, Loredana Russo, Tiziana Carmela, Rosaria Drago in Stivala, Giuseppe Pisani

I restandi 16 senatori vengono eletti con il proporzionale nei collegi plurinominali. Secondo un conteggio fatto in redazione a BlogSicilia i giochi saerebbero fatti. Otto di questi sono ancora 5 stelle in virtù dei voti ottenuti (sono così complessivamente 17 i senatori 5 stelle siciliani). In pratica le liste 5 stelle scattano per intero. Si tratta di Antonella Campagna, Vincenzo Maurizio Santangelo, Cinzia Leone e Fabrizio Trentacoste eletti nel colleggio Sicilia 1 ovvero nell’area occidentale dell’isola. A questi si aggiungono Mario Michele Giarrusso (per lui è una riconferma trattandosi di un uscente), Nunzia Catalfo, Cristiano Nastasi, Barbara Floridia.

I restandi 8 posti sarebbero così distribuiti: 3 Forza Italia (2 sicilia occidentale e 1 Sicilia orientale), 2 al Pd (Uno nella Sicilia occidentale e uno nella Sicilia orientale) e uno ciascuno a Lega, Fratelli d’Italia e Leu. Sono proprio questi posti a salvare i big consentendone l’elezione. In casa Forza Italia il seggio al Senato scatta a Renato Schifani e Urania Giulia Rosina Papateu mentre in Sicilia orientale a Gabriella Giammanco. Nel Pd il seggio in Sicilia 1 scatta per Davide Faraone e in Sicilia 2 per Valeria Sudano. In casa Fratelli d’Italia un solo seggio scatta nella Sicilia orientale e tocca a Raffaele Stancanelli di Diventerà Bellissima. Uno spetta alla Lega ed è incerto ma dovrebbe scattare nella Sicilia occidentale per Giulia Bongiorno e infine l’unico seggio di Leu scatta sempre nmella Sicilia occidentale e tocca a Pietro Grasso.

Il conteggio è fatto su base regionale come previsto dalla nuova legge per il solo Senato e l’attribuzione alle forze politiche appare chiara ma quella ai candidati potrebbe subire variazioni in caso di candidature parallelre in altri collegi dove può essere scattata l’elezione. In questo caso il candidato non può optare ma gli viene assegnato ils eggio dove il partito ha avuto la peggiore performance e di conseguenza si fa scorrere la lista negli altri collegi assegnando al secondo o via via aglia ltri candidati.

Nessun dato ancora, invece, per la camera dove il conteggio deve essere fatto su base nazionale

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker