Cronaca

Aziende sanitarie e rinnovo rappresentanti sindacali, gli Lsu esclusi dalle votazioni

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

“Gli Lsu non possano essere considerati elettorato attivo e passivo e non potranno partecipare alla prossima consultazione”.


È quanto sostiene il sindacato Nursind Sicilia che ha inviato la comunicazione a tutte le aziende sanitarie e alla commissione elettorale Rsu in vista delle imminenti elezioni nella pubblica amministrazione, sanità compresa. Nella nota il sindacato guidato da Francesco Frittitta risponde alle richieste di chiarimento sulla titolarità dei Lavoratori socialmente utili alla partecipazione attiva e passiva.

E ricorda tutto l’iter legislativo e giudiziario a cominciare dalla sentenza del Consiglio di Stato numero 3664/2007 che ha sottolineato come “le caratteristiche dei lavori socialmente utili non ne consentono la qualificazione come rapporto di impiego. E ciò per la considerazione che il rapporto dei lavoratori socialmente utili trae origine da motivi assistenziali rientrando nel quadro dei cosiddetti ammortizzatori sociali, e riguarda un impegno lavorativo certamente precario. Non comporta la cancellazione dalle liste di collocamento, presenta caratteri del tutto peculiari quali l’occupazione per non più di ottanta ore mensili, il compenso orario uguale per tutti (sostitutivo della indennità di disoccupazione) versato dallo Stato e non dal datore di lavoro, la limitazione delle assicurazioni obbligatorie solo a quelle contro gli infortuni e le malattie professionali”.

Il Nursind ricorda quindi che la Cassazione ribadì questo concetto con la sentenza n. 21155 del 13/10/2010, quando ha precisato che “in tema di lavori socialmente utili, l’art. 1 del d.lgs. n. 468 del 1997, nel ricomprendere in tale ambito le attività che hanno per oggetto la realizzazione di opere e la fornitura di servizi di utilità collettiva, mediante l’utilizzo di particolari categorie di soggetti, non reca un’elencazione tassativa di attività, né le previsioni della contrattazione collettiva che destinano risorse al sostegno delle iniziative rivolte a migliorare la produttività, l’efficienza e l’efficacia dei servizi hanno diretta incidenza sulla ricomprensione di analoghe iniziative fra le attività inerenti ai lavori socialmente utili”. Anche l’Aran in sintesi ha spiegato che non essendo lavoratori con rapporto di impiego non devono essere inseriti negli elenchi del personale. Da qui la nota e il rischio di eventuali ricorsi.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker