Sport

Un Fiore a Palermo: “Gioco nel ricordo di mio nonno… e ascolto Celentano”

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT

fiore

Corentin Fiore si racconta. Il giovane difensore belga, giunto a Palermo dopo essersi svincolato dallo Standard Liegi, parla in un’intervista al Corriere dello Sport delle sue prime impressioni in rosanero e del nuovo contatto con le sue radici italiane: “Mi sarei dovuto chiamare Alessio, ma mio padre folgorato dalle giocate di Corentin Martins, centrocampista dell’Auxerre, non volle sentire ragioni; ma per tutti sono Coco”.

MORTO L’EX ROSANERO BRUNO PACE

In attesa di un’occasione in campo, Fiore guarda il lato positivo: “Io sono pronto. A parte l’ultimo risultato, il Palermo a un cuore vincente, i reparti si aiutano, il contropiede è micidiale. Nestorovski? Non vorrei averlo come avversario. Coronado è stato il primo ad incuriosirmi. La promozione? Sì che si può: noi siamo una vera squadra Tedino? Magari metterò il mister alla prova con una canzone di Celentano: “Azzurro””.

BAIANO: “IL PALERMO RESTA UNA CORAZZATA”

E sul suo passato (figlio di emigrati italiani) dice: “Il primo a partire in cerca di fortuna fu nonno Luigi, originario di Cosenza, che adoravo. Emigrò a Charleroi con i suoi sei figli. Tutte le domeniche ascoltavo i suoi racconti affascinanti, bagnati di lacrime e fatica. Negli spogliatoi bacio il rosario del nonno e dopo salgo i gradini col piede sinistro in avanti, sono superstizioso. Il destro? Mi serve solo per salire sul bus”.

PALERMO, LE INAFFIDABILI “CERTEZZE” DEL MERCATO

Tanti tatuaggi ma anche tante passioni: “Amo il tennis, l’Nba, Valentino Rossi, la Formula 1. Ho tatuaggi in tutto il corpo, alcuni religiosi. Credo in Dio. Chi vorrei conscere? Buffon. Magari se legge quest’intervista… Il sogno? La Champions e Coppa del Mondo con il Belgio: la rosa è tra le migliori e non combiniamo niente. Non bastano i fuoriclasse, bisogna essere squadra. Come immagino il mio primo gol? Ultimo minuto, su punizione, decisivo. E corsa per tutto il campo”.

LEGGI ANCHE

REPUBBLICA PALERMO – JAJALO IRRINUNCIABILE

GDS – CAMBIARE FORMAZIONE: IL PALERMO SA COME RIPARTIRE

DIRITTI TV: PER IL PALERMO LA SERIE A VALE 45 MILIONI

L’articolo Un Fiore a Palermo: “Gioco nel ricordo di mio nonno… e ascolto Celentano” proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker