Hi-Tech

Shopping online libero in Europa, entro dicembre basta geo-blocking

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Il Parlamento Europeo ha votato ieri (martedì 6 febbraio) il regolamento che mette fine ai blocchi geografici per gli acquisti online di un gran numero di prodotti e servizi. Il perno attorno cui si snoda la normativa riguarda la necessità che gli store online che operano nella UE diano accesso a beni e servizi a tutti i cittadini europei, indipendentemente dalla Nazione dell'Unione in cui si trovano.

Entro dicembre 2018 verranno meno i cosiddetti geo-blocking. Con tale definizione si intendono restrizioni di varia natura che gli store online applicano in base a parametri come la nazionalità, il luogo di residenza o di connessione dell'utente. Un esempio è rappresentato dal reindirizzamento automatico: un consumatore italiano si collega ad uno store tedesco, inserisce il prodotto nel carrello, ma viene reindirizzato al sito italiano in cui il bene non è disponibile.

I blocchi regionali possono assumere anche altre forme e riguardare le forme di pagamento – alcuni store, ad esempio, non accettano il pagamento con carte di credito provenienti da un determinato Paese europeo – e gli obblighi di registrazione al sito per finalizzare la vendita – uno store può rifiutare la registrazione di un utente che ha un indirizzo in un altro Paese europeo.


Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2, compralo al miglior prezzo da Amazon a 349 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker