Cronaca

Nuove regole per i contributi nel settore culturale, Armao rassicura le associazioni

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

E’ fondamentale investire in cultura, l’ impegno del Governo Musumeci, oggi, è finalizzato a riscrivere le regole con le quali assegnare, per questo anno, i contributi nel settore culturale,dopo che sarà approvata la legge di stabilità”

Così oggi il Vice Presidente della Regione e Assessore Regionale dell’ Economia Gaetano Armao è intervenuto in V° Commissione cultura, convocata dal Presidente Sammartino, per discutere di problematiche di natura finanziaria sollevate da 9 tra associazioni culturali e antimafia, che avevano richiesto di essere sentite, in merito alla riduzione dei fondi, alle stesse assegnate, ai sensi dell’Art. 28 della L.R. n. 11/2010 relativa a trasferimenti annuali in favore di enti.

“Si tratta – afferma- purtroppo di una vicenda che abbiamo ereditato dalla precedente gestione e sulla quale non avevamo alcun margine di manovra . Il ruolo e l’attività svolta da queste Associazioni, ha detto l’ Assessore dell’ Economia, è strategico, per questo riteniamo fondamentale – continua – che vengano definite una revisione dei criteri di valutazione e di assegnazione dei fondi, e che siano ridotti drasticamente i margini di discrezionalità delle commissioni nonchè si stabiliscano tempi certi, per la emanazione del Bando.

Comprendo le difficoltà che oggi rappresentano le Associazioni, ma – sottolinea – non avevamo scelta. Ci siamo trovati con un bando deliberato dalla Giunta Crocetta e graduatorie frutto dell’attività delle commissioni nominate nei diversi Dipartimenti, rispetto a cui non potevamo, seppur nella consapevolezza di disomogeneità e riduzione della spesa, operare alcun correttivo.

Da adesso – conclude- vogliamo voltare pagina, il nuovo corso è già cominciato con la definizione di nuovi criteri per il bando del 2018 e l’avvio di un lavoro di rinegoziazione degli accordi sottoscritti dal precedente governo, che ci obbligano ad una riduzione della spesa corrente del 3% annuo , faremo in modo che in questa percentuale, impostaci dall’improvvido accordo, non rientrino le somme destinate alla cultura”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker