Cronaca

Prorogato regolamento suolo pubblico e dehors al 30 aprile, associazioni commercianti: “Soluzione temporanea, occorre lavorare per fornire regole certe”

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

“A nome dell’Associazione dei Pubblici esercizi di Confcommercio Palermo desidero ringraziare il Consiglio comunale, le commissioni Attività produttive, Urbanistica e Affari istituzionali, ma anche l’Amministrazione comunale per aver provveduto in tempi brevi alla proroga del regolamento sul suolo pubblico e i dehors permettendo a tanti commercianti del settore di poter continuare a lavorare con serenità da qui fino al 30 aprile”. Lo afferma il presidente di Ape Confcommercio Palermo Antonio Cottone.

“Da questo momento, dobbiamo lavorare con gli altri rappresentanti di categoria per discutere tutti assieme un documento unico e condiviso con le proposte degli imprenditori ed operatori da presentare alle Commissioni consiliari interessate e all’Amministrazione attiva. Proporremo alcune modifiche di buon senso da apportare all’attuale regolamento, in modo da programmare e pianificare con serenità gli investimenti da fare nelle nostre attività”, conclude Antonio Cottone.

“La decisione del consiglio comunale di Palermo di prorogare al 30 aprile le autorizzazioni per i dehors è un provvedimento di buon senso, che evita ulteriori penalizzazioni ai commercianti e dà loro un po’ di respiro in un momento difficile come questo”. Così Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo, commenta l’emendamento approvato oggi da Sala delle Lapidi. “Una soluzione temporanea – aggiunge Attinasi – che però ci soddisfa solo a metà: bisogna infatti intervenire in modo deciso sul regolamento, che va rivisto, così da dare regole certe agli imprenditori che vogliono investire creando lavoro e ricchezza”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Alfio Zambito, presidente della Fiepet-Confesercenti Palermo, Federazione italiana esercenti pubblici e turistici, che ha partecipato ai tavoli di lavoro in cui è stato affrontato il problema delle norme che disciplinano la vita delle imprese in città. “La politica ha capito l’importanza del tema e bene ha fatto ad ascoltare tutte le associazioni di categoria – afferma -. La proroga al 30 aprile è di certo una buona notizia – prosegue Zambito – ma non bisogna cullarsi. È necessario che il consiglio comunale prosegua il confronto con le associazioni di categoria fin da subito sulle modifiche da apportare al regolamento. In quest’ottica auspichiamo la definitiva mappatura delle strutture esistenti e l’autorizzazione h24, a differenza dell’attuale dalle 20 all’1. Ciò consentirebbe agli imprenditori di lavorare al meglio – conclude Zambito – e di pianificare gli investimenti”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker