Cronaca

Il re delle scommesse e le pressioni ai politici per una sanatoria dei centri irregolari

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

L’imprenditore Benedetto Bacchi, titolare di oltre 700 agenzie di scommesse e giochi avrebbe fatto pressioni perché venisse approvato un emendamento alla legge finanziaria del 2017 per riaprire i termini della sanatoria per i “punti” irregolari e abbassare la quota da pagare per regolarizzare i centri.

Il particolare viene fuori dall’inchiesta che oggi ha portato all’arresto di Bacchi accusato, tra l’altro, di concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio. La vicenda è stata oggetto di accertamenti da parte degli inquirenti che, però, non hanno avuto esiti. E l’emendamento non è mai passato.

Le agenzie dell’imprenditore di Partinico, che aveva raggiunto una posizione di monopolio nella gestione del settore grazie a una sorta di accordo stretto con Cosa nostra, erano tutte senza concessione: da qui la necessità di usufruire della sanatoria.

“In pieno accordo con il mafioso Francesco Nania, Bacchi ha dato impulso a una serie di complici – scrive la polizia in una informativa che è stata depositata agli atti di un’altra inchiesta, quella sull’armatore trapanese Ettore Morace – al fine di veicolare a illustri uomini politici la promessa di una consistente quantità di voti a fronte dell’approvazione di un emendamento teso a salvaguardare gli interessi della famiglia mafiosa che rappresenta”.

Bacchi, intercettato, ne parla il 15 novembre del 2016 con l’imprenditore calabrese dello stesso settore Damiano Carelli.

“Nel corso della conversazione Bacchi – scrive la polizia – confidava di aver appreso che probabilmente la situazione si sarebbe sbloccata a breve perché un deputato aveva presentato un emendamento riguardante la sanatoria con oltre 700 punti gioco”. “L’emendamento, prima bocciato, era stato ripresentato modificato e ritenuto ammissibile”, dice Bacchi a un imprenditore campano.

In effetti un primo emendamento, presentato dalla deputata di Ap Paola Binetti, era stato ritenuto inammissibile. Lo stesso era stato proposto dai deputati di Ap Paolo Tancredi e Filippo Picone e giudicato ammissibile. “Passa alla Camera oggi o domani”, dice l’imprenditore romano Mario Ciaccia a Bacchi il 17 novembre del 2016. “L’emendamento era proprio quello richiesto da voi nell’ordine del giorno”, aggiunge.

“L’emendamento normativo – spiega la polizia nella nota – era proprio quello che aveva richiesto Bacchi perché faceva riferimento ai 700 punti gioco, si rimanda a quanto già riferito circa le iniziative parlamentari intraprese dalla senatrice Maria Spilabotte (Pd) e Bruno Mancuso (Ncd) che avevano proposto la riapertura dei termini della sanatoria solo per i circuiti di scommesse con oltre 700 punti e con una forte riduzione del versamento previsto dall’originaria norma, suscitando delle perplessità poiché appariva una norma che agevolava solo un circuito di scommesse”.

Dopo pochi giorni Ciaccia richiama Bacchi e torna a rassicurarlo sull’approvazione dell’emendamento. Riportando quanto dettogli da un interlocutore di cui non fa il nome Ciaccia dice a Bacchi: “‘Mario, t’ho detto che è stato firmato dal relatore del Governo'”. Della vicenda parlano anche altre due persone Devis Zangara e Alberto Firenze, collaboratore del sottosegretario Davide Faraone, all’epoca presidente dell’Ersu.

“Parlando con un amico dice che ‘milleproproghe’ non è una cosa di adesso, è una cosa che potrà avvenire”, dice Zangara.

E Firenze risponde: “Vedi che si sta preparando il decreto ‘mille proroghe’…Stanno lavorando a questo”. “La conversazione va messa in relazione con quella intercettata tra Firenze ed Eugenio Ceglie, atteso che in entrambe si fa riferimento alla possibilità di inserire l’emendamento nel decreto mille proroghe- scrive la polizia- E’ evidente che Firenze aveva fatto sapere, attraverso canali non intercettati a Zangara di quanto appreso durante la mattinata da Eugenio Ceglie, collaboratore del sottosegretario al Miur Davide Faraone”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker