Hi-Tech

Uno sguardo al passato: così si studia l’Universo a 13 miliardi di anni luce

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Com’è nato l’Universo? L'uomo si pone questa domanda da sempre, a maggior ragione oggi che la tecnologia e la conoscenza ci consentono di studiare sempre più a fondo le origini dell’esistenza. E così anche un osservatorio sperduto nelle Ande può aiutarci – ed aiutare gli astronomi – a capire meglio i processi che hanno portato l’universo a formarsi nel tempo.

Si tratta dell’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array, osservatorio situato sulle montagne di Atacama (nord del Cile), le cui antenne sono riuscite a rilevare preziose informazioni su due giovani galassie a 13 miliardi di anni luce dalla Terra. Guardare così lontano significa guardare nel passato, studiando in questo modo quel remoto angolo dell’Universo così com’era – appunto – 13 miliardi di anni fa. Il gruppo di astronomi guidato da Renske Smit della Università di Cambridge ha analizzato il movimento del gas presente all’interno delle galassie, rilevando veri e propri vortici cosmici a spirale che dimostrano come anche in galassie primordiali (è stato stimato provengano da un’epoca in cui l’Universo aveva “appena 800 milioni di anni”, ossia il 6 per cento della sua età odierna) i movimenti interni siano più ordinati – e dunque meno caotici – di quanto si pensasse.

La scoperta ha un peso scientifico notevole, in quanto consente di comprendere il comportamento delle galassie nelle prime fasi evolutive. Dunque le galassie giovani si comportano esattamente come quelle più “anziane”, come ad esempio la nostra Via Lattea, in cui si verifica un movimento di rotazione attorno al nucleo centrale. In più, il team di ricerca ha scoperto che all’interno di queste galassie le stelle si formano a ritmi più alti rispetto a quelli registrati nelle galassie più mature.


Schermo Oled da 6 pollici in dimensioni contenute? LG V30, in offerta oggi da Prokoo a 639 euro oppure da Media World a 749 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker