Cronaca

Mafia, il pentito Di Matteo fa causa allo Stato: “Non mi protegge più”

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

“Lo Stato non mi protegge più”. Il pentito Santino Di Matteo fa causa allo Stato presentando un ricorso al Tar contro l’esclusione dal programma di protezione. Santino è il padre di Giuseppe che aveva 13 anni quando fu rapito, il 23 novembre 1993. I boss provarono così a far ritrattare il padre.

Dopo 779 di prigionia, l’ 11 gennaio di 21 anni fa, il ragazzo fu strangolato e sciolto nell’acido su ordine di Giovanni Brusca. Per l’omicidio sono stati condannati all’ergastolo decine di boss mafiosi.

Il padre del bambino è stato invece condannato per detenzione di armi ed è stato espulso dal programma di protezione. Due anni fa la procura di Palermo aveva chiesto il reinserimento di Santino Di Matteo: ne è nata una battaglia legale, come riporta oggi l’edizione locale di Repubblica.

“Mi accusano di essere tornato a delinquere. Sì, è vero – dice – nel 1996 sono tornato in Sicilia per cercare mio
figlio. Vorrei sapere chi sarebbe rimasto a casa ad aspettare?”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker