Cronaca

Tanti nuovi luoghi e sorprese per la nuova edizione de “Le Vie dei Tesori” (FOTO)

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CRONACA

PALAZZO UTVEGGIO19 Chiesa della SS. Trinità alla Zisa47 Mulino di sant'antonino22 Chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi

Trenta luoghi su centro aperti e tante sorprese questo finesettimana per l’inizio della nuova edizione de ‘Le Vie dei Tesori’. 

C’è una cappella a pochi passi dal Palazzo della Zisa con una cupola simile a quella di San Giovanni degli Eremiti, ma che ha nicchie collegate da muqarnas: in pochi conoscono la cappella palatina della Zisa. Ci sono la prima chiesa normanna sotto Roberto Il Guiscardo e la cappella degli “sbirri” con tanto di cripta; Sant’Antonio Abate alla Vucciria, la chiesetta dell’Ecce Homo; e Sant’Euno e Giuliano, appena restaurata, con una cripta e una sotto-cripta che arriva fin sotto piazza Magione o il settecentesco oratorio dell’Immacolatella. Chi preferisce tralasciare i luoghi religiosi, può lasciarsi intrigare dal seicentesco convento di sant’Antonino – apre per la prima volta dopo il restauro dell’Università – che conserva ancora gli imponenti macchinari di quando era adibito a mulino urbano. O può salire sul “quarto pilone” dei Quattro Canti, ovvero il nobile Palazzo di Rudinì.

“Un appuntamento che si rinnova, e che quest’anno ha coinvolto anche altre città siciliane, dove è stato registrato un successo inaspettato di pubblico – interviene il neo assessore regionale ai Beni Culturali, Aurora Notarianni -. Un’occasione unica per riscoprire il patrimonio culturale ed artistico; e infatti l’assessorato ha partecipato con entusiasmo, mettendo a disposizione risorse materiali e aprendo le porte dei siti meno conosciuti”. Come il palazzo dell’Uscibene, su cui la Soprintendenza ha programmato un imponente restauro; e la bellissima Casina Cinese che racconta di tempi lontani, di sovrani e di amori segreti, e dove si entra solo su prenotazione.

Tra i 110 luoghi a disposizione, ce ne sono 11 dove si entrerà solo su prenotazione (sul sito www.leviedeitesori.com), evitando le file degli scorsi anni: alla Casina Cinese, al Museo di Anice Tutone, al museo Morettino, si aggiungono da domani (sabato 30 settembre) anche la nobile cappella spagnola della Soledad, i depositi segreti della GAM, il futurista Palazzo delle Poste. Una sorpresa a parte è Palazzo Utveggio in via XX settembre: sul primo “condominio” borghese nato in città, Gregorietti ed Ernesto Basile misero mano creando prezioso tesoro liberty. Domenica poi, apre la grotta dell’Acquasanta, con la sua fonte miracolosa, nascosta sotto i palazzi della borgata. Seguiranno nelle prossime settimane, anche per Palazzo Forcella De Seta e la Banca d’Italia.

110 tour urbani. Sulle tracce degli eretici, degli esoteristi, dei nobili Gattopardi, dei fiumi scomparsi inghiottiti dalla terra: sono dieci le passeggiate di domani (sabato) e otto quelle di domenica che in questo primo week end saranno condotte da appassionati, botanici, storici, giornalisti. A piedi e in bici, per camminatori arditi e per pigroni curiosi, per facili e più complesse, naturalistiche o cittadine. Tra tutte, merita una segnalazione a parte il ciclo di dieci tour urbani (due a settimana) condotti da Mario Bellone alla scoperta dei luoghi che hanno ospitato set cinematografici: domani e domenica si camminerà sulle tracce di Vittorio De Sica, Luchino Visconti, Wim Wenders, Anthony Minghella, Francesco Rosi, Gianni Amelio, Damiano Damiani, Marco Ferreri e molti altri; dalla Magione che appare in “Miracolo a Palermo” (2005) di Beppe Cino ai Lattarini dove spicca la famosa terrazza di Palazzo Gangi, in cui vennero girate mote scene del “Gattopardo”. Per scoprire i tour e, soprattutto, sceglierli, bisogna prenotarsi sul sito www.leviedeitesori.com.

Sabato e domenica restano aperti tutti i luoghi dell’ Itinerario Contemporaneo: trenta tra gallerie e case-atelier private, una rete inconsueta e inaspettata dove ogni siti ha ideato una mostra o una performance, dai pinguini dipinti sui dissuasori di Pao (“Penguin alone” da Veniero Project) agli scatti di Eileen Quinn da Minimum Open Studio ai disegni su carta di cotone poggiata sui leggii di Gaetano Cipolla alla Galleria Nuvole; e tanti altri, giovani artisti e meno giovani, affermati e non.

Il Festival KIDS. Dai tre gazebo nelle piazze cuore della città, i bambini delle scuole non se ne vogliono andare. Perché giocano, imparano e si divertono, sotto l’occhio di Babyplanner.it: scoprono cosa sono le volute liberty, che la Sicilia possiede tanti siti UNESCO e che viaggiare apre la testa (e il cuore). Porte aperte da domani e domenica dalle 10 alle 20.Domenica alle 11 i bambini possono partecipare a tour ideati appositamente per loro, magari mentre i genitori nel frattempo scoprono un villino o un oratorio. Tour all’Archivio di Stato, all’Ecomuseo del Mare, al Museo delle marionette, al museo Salinas, allo Spasimo e a Villa Whitaker. 5 euro a visita, coupon sul sito e sul posto.

I concerti di Piano City. Le Vie dei Tesori collabora con PianoCity Milano, sposando il progetto di portare la musica in ogni angolo della città. Pianoforti risuoneranno ovunque, dai luoghi UNESCO, ai palazzi storici più suggestivi, alle piazze, dalla Kalsa all’Albergheria, dalla Cala allo Zen, fino alla spiaggia di Mondello. E domenica PianoCity arriverà anche in due luoghi del Festival: dalle 16,30 in luoghi diversi dell’Orto Botanico, con concerti tra alberi secolari e piante tropicali (suonano Alessandro Cammarata, Giusy Ines Tuttolomondo e Gennaro Pesce); e alle 12, a Palazzo Mirto, dove Massimo Bentivenga suonerà il pianoforte a coda del 1858 della Pleyel di Parigi, simile agli strumenti prediletti da Chopin.

COME PARTECIPARE. Un coupon da 10 euro “vale” 10 visite, un coupon da 5 euro consente di farne 4, un coupon da 2 euro serve per 1 visita singola. Non sono personali e possono essere utilizzati da gruppi e familiari. Le visite su prenotazione prevedono un contributo di 3 euro. Sul sito si prenotano le passeggiate e i laboratori per bambini, e si acquistano i biglietti per gli eventi e gli spettacoli. Quest’anno c’è una card che consente di visitare tutti i luoghi, promossa sui treni siciliani, grazie a un accordo con Trenitalia

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker