Hi-Tech

Gentiloni e le tasse alle multinazionali digitali: avanti anche senza unanimità UE

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Questa mattina a Tallin, in Estonia, è iniziato il Digital Summit, una riunione dei vertici dell'Unione Europea di cui si parla molto nel nostro settore perché all'ordine del giorno c'è anche la cosiddetta "Web Tax". Come sappiamo, l'UE e la maggior parte degli Stati Membri hanno un po' il dente avvelenato contro Google, Facebook e gli altri colossi del Web, perché pagano poche tasse rispetto al volume di affari che fanno grazie ai loro utenti.

Per chiarire: le società in questione sfruttano dei meccanismi perfettamente legali. Sono le leggi ad essere antiquate, ancorate all'idea della sede fisica, alle fabbriche e ai prodotti materiali. Non è ancora detto quale sarà l'esito del summit: le proposte sul tavolo sono almeno un paio. Ma per il nostro presidente del consiglio Gentiloni, l'unanimità dell'UE è un risultato, per quanto auspicabile, non strettamente necessario. All'entrata del Summit, ha dichiarato:

Italia, Francia, Germania e Spagna avevano concordato a fine agosto a Parigi e hanno rivolto ai capi di Stato e di Governo qui. Noi non possiamo accettare l'idea che il diritto di stabilimento delle imprese per quanto riguarda i giganti del web e le piattaforme sia concepito come nel passato, quando lo stabilimento significava pagare le tasse nel posto deve si aveva la fabbrica.
Ci sono piattaforme che ci semplificano la vita e a cui non vogliamo rinunciare per niente al mondo che tuttavia hanno volumi di affari strepitosi nei nostri Paesi e magari pochi dipendenti e nessuna ciminiera […] C'è una proposta della Commissione, dobbiamo andare avanti. Ma i singoli Paesi devono lavorare in coordinamento tra di loro anche con la cooperazione rafforzata.

La questione della tassazione delle grandi multinazionali digitali è importante (quanto importante? Miliardi di dollari, pressapoco) ma non sarà l'unico argomento di discussione. Il summit si divide in due sessioni principali: al mattino si parla di sicurezza in relazione alle nuove tecnologie digitali, al pomeriggio invece del loro impatto sociale e industriale.


Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8, in offerta oggi da Tiger Shop a 515 euro oppure da Amazon a 579 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker