Hi-Tech

Recensione Xiaomi Mi Note 3: la concretezza dello Snapdragon 660

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

È stato davvero uin piacere utilizzarti ma adesso devo abbandonarti. Sono queste le parole che maggiormente riassumono questa settimana passata con il Mi Note 3. Lanciato insieme a Xiaomi Mi A1 e Mi Mix 2, Mi Note 3 è stato forse sottovalutato a livello mediatico ma si tratta di uno smartphone dalle potenzialità enormi e che pecca per i "soliti" difetti degli Xiaomi senza banda 20 e senza ROM globale.

HARDWARE, ERGONOMIA E MATERIALI

Mi Note 3 riprende tutto il buono che abbiamo visto su Mi 6 e lo porta in una dimensione leggermente più grande ma fortuhnatamente ancora giusta per l'utilizzo con una sola mano. Non ci sono estremizzazioni estetiche, schermi curvi o bordi assenti ma l'usabilità ne guadagna indubbiamente. Lettore di impronte frontale, comodissimo e rapidissimo, curvatura posteriore della scocca per una migliore presa e peso molto contenuto.

A differenza del Mi 6 però niente metallo per la scocca laterale ma tutto il device è realizzato in "plastica" con la pèarte posteriore con finitura in ceramica. Questo si traduce in scivolosità esagerata (cover obbligatoria) e una fragilità più alta rispetto al normale policarbonato. Lo dico per esperienza visto che ho rotto la parte posteriore del Mi 6 caduto battengo lo spigolo (vedi video)


Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2, in offerta oggi da Tiger Shop a 245 euro oppure da Amazon a 329 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker