Hi-Tech

La Cina ha bloccato del tutto WhatsApp

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Ebbene sì, finalmente la Cina ce l'ha fatta: da qualche ora WhatsApp non è più accessibile a nessun livello in tutto il territorio della Cina continentale. Da qualche mese non era possibile inviare i file – nemmeno foto e video – mentre ora non è più possibile chiamare né chattare.

La mossa in effetti non stupisce – anzi, considerando che tipo di governo "impiccione" opera in Cina, stupisce più che altro che un programma che cripta end-to-end tutte le comunicazioni e non accetta le richieste di implementazione di backdoor che provengono dall'alto, nemmeno dalla Regina.

La provenienza statunitense non favorisce certo la causa di WhatsApp. Man mano che passa il tempo, la Cina blocca sempre più servizi dei colossi occidentali – molti servizi Google, per esempio; Wikipedia; Twitter; e, rimanendo in casa Zuckerberg, Facebook e Instagram. Il tutto va a vantaggio di programmi di messaggistica cinesi, primo su tutti il già diffusissimo WeChat, che tra l'altro si è dimostrato molto più propenso ad accettare le richieste di violazione della privacy dei suoi utenti avanzate dal governo cinese.


Il più piccolo top gamma 2016 che accontenta tutti? Samsung Galaxy S7 è in offerta oggi su a 380 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker